Home » poeti dialettali » Il canto dei mesi

Il canto dei mesi

Stampa l articolo
Ogni mese, in procinto di presentarsi con l’anno nuovo, dice di sé di essere il migliore tra i dodici della serie. Ci si riferisce poi, ad ogni canto, a certi signori: è solo segno che la soggezione universale a qualcuno che comanda – che comunque sta sopra – è cosa accettata da tutti.

Qualche chiarimento va dato per marzo il quale dice di non aver mangiato carne alludendo alla quaresima che lo ha costretto al digiuno; e per dicembre il quale, parlando del fuoco, dice d’essersi scaldato davanti e, girandosi, di dietro.

Io so gennaro e sto’ ‘ccanto lo foco,

brillo l’arrosto e faccio un bel gioco,

e lo faccio pe’ quisti signori,

fra l’atri misi io so’ lu mijore.

Io so’ febbraro che vaco ‘n po’ zoppu,

sto fra li geli e ‘mmazzo lu porcu,

e lu ‘mmazzo pe’ quisti signori,

fra l’altri misi io so’ lu mijore.

Io so’ marzo sventurato

Che la carne non ho magnato

Non ho magnato per quisti signori,

fra l’atri mesi io so’ lu mijore.

Io sono aprile e sono gentile,

tutte le piante le faccio fiorire,

giovani e vecchi fo rallegrare

le giovani belle fo innamorare

Io so’ mmaggio e so ‘l più bello,

che de fiori me ‘dorno ‘l cappello,

me lo ‘dorno de rose e de fiori,

fra l’atri mesi io so’ lu mijore.

Maggio ha anche una variante che ne aumenta

il fascino e la grazia: Ecco maggio che è venuto

– con la giacca di velluto; – ecco maggio che

è tornato – con le brache di filato. Ed è una bella

personalizzazione del mese in cui esplode la

primavera e che registra le prima manifestazioni

estive, cui si accompagnano felici i canti ed i cori

della gioventù contadina. Poi la canzone prosegue

con l’appello degli altri mesi dell’anno.

Io so’ giugno che mèto ‘l grano,

mèto al monte e mèto al piano,

e lo mèto pe’ quisti signori,

fra l’atri mesi io so’ lu mejjore.

Lo so’ lujjo che spulo ‘’l grano

e lo spulo con tanta ‘llegria,

de dieci rubbi remane a sia [sei]

e lo spulo per quisti signori,

fra l’atri misi io so’ tu mijore.

Io so’ agosto che ‘ssetto le votte,

giovine e vecchie le ‘ssetto tutte.

E je levo lo fortore,

je lo levo pè sti signori.

Io so’ settembre che so’ più cortese,

a ricchi e poveri faccio le spese,

e je porto uva, fichi e meloni,

fra l’atri mesi io so’ lu mijore.

Io so’ ottobre che semino ‘l grano,

semino la costa e ssemino ‘l piano,

e lo semino pe’ ‘sti signori,

fra l’altri mesi sono ‘l mijore.

Io so’ novembre che pacco le legne,

e le pacco per quanno negne,

e le pacco per quisti signori,

fra l’atri mesi io so’ lu mijore.

Io so’ l’ùtimu e me chiamo dicembre,

denanze me coce e de réto me ‘ncenne;

scortico capre, capritti e caproni,

fra l’atri mesi io so’ lu mijore. •

cura di Fabrizio Fabi

About Fabrizio Fabi

Vedi anche

Formare una famiglia: ci vuole la vocazione!

La vostra vocazione non è facile da vivere, specialmente oggi, ma quella dell’amore è una …

2 commenti

  1. lu nepote de Vevella

    E’ sempre dimostrazione del trasmettere le abitudini e i valori dei nostri avi ai più piccoli tutti raccolti davanti al camino.

  2. lu nepote de Vevella

    Adesso però si potrebbe procedere a cambiare la poesia non vi pare che è tanto tempo che viene pubblicata? Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.