Home » maceratese » Ammaliati da don Merola

Ammaliati da don Merola

Stampa l articolo
don merolaGrande successo per l’intervento di Don Luigi Merola a Monte San Martino e Penna San Giovanni. L’ex parroco di Forcella, conosciuto anche come prete anti-camorra, ha incontrato lunedì 24 Giugno i giovani dei due paesi dell’entroterra maceratese, nell’ambito di un incontro organizzato dall’associazione giovanile Comunità Attiva a conclusione del progetto “Giovani IN-Formazione 2012”.

L’evento è stato diviso in due parti, alle 18.30 Don Luigi è intervenuto presso lo Chalet il Tiglio di Monte San Martino mentre in serata è stato protagonista indiscusso al Teatro Flora di Penna San Giovanni per la presentazione in anteprima regionale del suo ultimo libro I Bambini di Napoli. “Sono contento di conoscere comunità piccole ma vive come queste – ha commentato Don Luigi – proprio grazie a questi incontri si riesce a ragionare insieme e fare rete”.

L’incontro ha dato l’opportunità a Merola di parlare della Fondazione che presiede “A’ voce d’ ‘e Creature” alla quale vanno i proventi della vendita del libro e che è nata con l’intento di togliere i bambini dalle strade e dunque potenzialmente eliminare il loro impiego nella criminalità organizzata. “La conoscenza di tutte le mafie è importante – ha continuato Don Luigi – ma dobbiamo anche rispettare le istituzioni e lottare uniti contro la criminalità e solo educando i bambini il seme della legalità può veramente attecchire.

L’educazione passa per la famiglia e per la scuola naturalmente ma anche attraverso la lettura e spegnendo la TV spazzatura – ha concluso Merola – come certi talk-show che andrebbero eliminati”. Presenti ai due incontri anche diverse autorità. Oltre ai sindaci Valeriano Ghezzi sindaco di Monte San Martino e Giuseppe Mancinelli sindaco di Penna San Giovanni sono intervenuti anche Gianpiero Feliciotti, presidente della Comunità Montana dei Monti Azzurri, Valerio Valeriani Coordinatore dell’ambito territoriale XVI e Simonetta Scafa Assessore alle pari opportunità della Comunità Montana dei Monti Azzurri.

“Siamo soddisfatti della buona riuscita delle due iniziative, della partecipazione dei giovani del territorio e della popolazione venuta per l’occasione anche dai paesi limitrofi – ha commentato Serena Vergari presidente di Comunità Attiva e componente della Consulta regionale dei giovani – Don Merola è un uomo portatore di valori umani, etici e morali, un modello da seguire e, per dirla alla maniera di Papa Francesco, una persona che va contro corrente: è questa l’Italia che ci piace”. •

About la redazione

Vedi anche

Sulla Cresima il sigillo delle opere di Misericordia

Monte S. Martino: il cammino di preparazione alla confermazione insieme alle monache benedettine, ai genitori, …

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: