Home » prima pagina » Cpae obbligatorio nelle parrocchie

Cpae obbligatorio nelle parrocchie

Stampa l articolo
Il Consiglio per gli affari economici (Cpae) è lo strumento di partecipazione per la cura pastorale dei beni e delle attività parrocchiali. È obbligatorio in ogni parrocchia, come stabilito dal canone 537 del diritto canonico.
Il Cpae è il luogo dove si realizza la comunione in quanto alcuni rappresentanti delle singole parrocchie vengono inseriti in un cammino di discernimento per favorire la maturazione della comunione ecclesiale anche sotto il profilo dell’utilizzo delle risorse economiche.

Il consiglio per gli affari economici ha i seguenti compiti:
a. coadiuvare il parroco nel predisporre il bilancio preventivo dell’amministrazione ordinaria e straordinaria, elencando le voci di spesa prevedibili per i vari settori di attività e individuando i relativi mezzi di copertura;
b. stabilire, in accordo con il Consiglio pastorale parrocchiale (Cpp), quale quota percentuale delle entrate ordinarie del bilancio vada destinata ad attività caritative, oltre a quanto viene raccolto per iniziative straordinarie;
c. approvare alla fine di ciascun esercizio, previo esame dei libri contabili e della relativa documentazione, il rendiconto consuntivo generale e dei vari settori di attività; il parere del consiglio va allegato alla presentazione in Curia del rendiconto da parte del parroco;
d. rendere conto al Cpp della situazione economica della parrocchia o della comunità pastorale;
e.verificare periodicamente la corretta attuazione delle previsioni di bilancio;
f. esprimere il parere sugli atti di straordinaria amministrazione e tale parere dovrà essere allegato alle domande di autorizzazione presentate all’Ordinario;
g. curare l’aggiornamento annuale dello stato patrimoniale, il deposito dei relativi atti e documenti presso la Curia diocesana (can. 1284, § 2, n. 9) e l’ordinata archiviazione delle copie negli uffici parrocchiali e della comunità pastorale;
h. collaborare con il parroco nell’attuazione di tutte le altre normative e indicazioni circa i beni economici, contenute nella normativa canonica concordataria e civile;
i. mantenere il debito contatto con le attività promosse dal Servizio diocesano per la promozione del sostegno economico alla Chiesa, incaricando in particolare un componente per ogni Cpae di seguire questo ambito. •

About Nicola Del Gobbo

Direttore de La Voce delle Marche

Vedi anche

Sandro: una grande anima

“…venite con me, in disparte”  (dal Vangelo di Marco) Ci sono esistenze che non le …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: