Home » maceratese » Legalità, giustizia: i nomi della pace

Legalità, giustizia: i nomi della pace

Stampa l articolo
La sedicesima edizione della Marcia della Giustizia e della Pace Recanati – Loreto si è svolta sabato 30 gennaio 2016. Ha assunto un significato forte per la presenza di due illustri testimoni che negli ultimi anni stanno ponendo forti problemi di coscienza agli italiani sui temi della legalità e della giustizia da un lato e sui temi della conservazione dei territori dall’inquinamento, contro le mafie che hanno distrutto le campagne del napoletano, la cosiddetta “terra dei fuochi”. Si tratta di don Luigi Ciotti e don Maurizio Patriciello, figure che continuamente richiamano alla pace attraverso il loro impegno per la giustizia e la legalità. Assieme a loro sono stati presenti una giornalista siriana Acmae Dacham e alcuni missionari del Burundi, oltre a valenti testimoni marchigiani.
La marcia, ogni anno, riflette sul messaggio della pace del Papa del primo dell’anno. Quest’anno il tema è stato Vinci l’indifferenza e conquista la pace. Se il nostro paese riuscisse a instaurare il 50% di legalità mancante contro la corruzione, le ingiustizie, il malaffare e le organizzazioni malavitose già sarebbe uno stato dove si genererebbero prospettive per tutti.
È il sistema del malaffare in genere e della prevalenza di una macchina pubblica inefficiente da una parte e di una cultura indifferente alla legalità e alla giustizia dall’altro che generano un paese mediocre il quale sta nel guado e non riesce a risollevarsi.
Con testimoni coraggiosi come don Patriciello di Napoli e don Ciotti assieme ai messaggi forti che Papa Francesco ha lanciato con il messaggio del primo di gennaio, le coscienze dovrebbero scuotersi!
Chi crede dovrebbe passare da una fede di tradizione ad una fede vissuta nell’onestà e nell’impegno sociale. Chi non è credente dovrebbe conseguire uno stile di vita coerente nel rispetto dei valori umani. Se non c’è questa coscienza le Marce della pace generano solo emozioni temporanee e il giorno dopo è tutto come prima.
Tanti si sono impegnati per fare in modo che la Marcia possa scuotere un po’ la coscienza di tutti. Ci sono stati: accanto alla Commissione regionale Cem per la pastorale sociale, l’Aci, le Acli, l’Agesci regionali, la Caritas delle Marche, la Pastorale Giovanile, Pax Cristi, Csi, oltre alla Parrocchia di Cristo Redentore di Recanati, che è stata l’anima dell’organizzazione. •

Mario Vichi

About la redazione

Vedi anche

Gemellaggio con la storia

Petritoli. Segnale stradale all’ingresso del paese. Una scritta: “Gemellato con Vidor”. Siamo passati oltre decine …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: