Home » prima pagina » USCIRE: stile del credente

USCIRE: stile del credente

Stampa l articolo
“In un’epoca di cambiamento la tentazione, come sempre accade, è quella di chiudersi, difendersi alzando muri e confini! Il cristiano però può sottrarsi a questo rischio nella consapevolezza che Gesù è attivo e opera nel mondo, dentro quel cambiamento e quelle sfide. Allora si può uscire con fiducia, mettendoci cuori, mani e testa affinché si realizzi un sogno: accompagnare chi è rimasto al bordo della strada, (….) costruendo ovunque piazze e ospedali da campo. Uscire pertanto non costituisce un’attività particolare, bensì rappresenta lo stile, cioè la forma unificante della vita di ogni battezzato e della Chiesa nel suo insieme”. Infatti – continua il Papa – l’umanità del cristiano è sempre in uscita”.
Nei gruppi che hanno lavorato sulla parola “uscire” è emerso che “I giovani lamentano che essi si trovano già in uscita: da una società che sembra non aver bisogno di loro, e da una Chiesa – realtà parrocchiale – in cui non si sentono liberi di esprimersi e di mettersi in gioco e chiedono comunità audaci che sappiano scommettere su di loro”.
Nel porci la domanda “come uscire”? si è arrivati alla conclusione che è solo meditando il Vangelo e facendo propri gli atteggiamenti di Gesù è possibile vedere, ascoltare, accompagnare e promuovere ricordando che l’incontro accade “ogni volta volto per volto”.
Alla domanda “cosa testimoniamo?” è emerso prima di tutto che non è ciò che facciamo, ma ciò che siamo e crediamo che rende visibile la testimonianza del Vangelo. Ciò che facciamo infatti è solo una possibilità del declinarsi di ciò che siamo.
Il Papa in visita a Prato ci ricorda che “l’arrivo di persone forzatamente in uscita dalle loro terre, mette alla prova la nostra autentica disponibilità verificando se restano parole oppure si realizza quell’auspicato passaggio da progetti assistenziali a progetti di inclusione e integrazione sociale e comunitaria”.
Chiesa in uscita è la relazione rinnovata con chiunque, non limitandosi a rimanere “sentinelle dalla fortezza”, ma piuttosto come esploratori pronti a mettersi in gioco, correndo il rischio di sporcarsi le mani” (Papa). •

Ester Marino

About la redazione

Vedi anche

Cyberspazio: il luogo seducente della solitudine confortevole

La Voce delle Marche, il periodico cattolico fermano sbarcato in internet proprio in queste settimane, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: