Home » prima pagina » Cirenei per poveri Cristi

Cirenei per poveri Cristi

Stampa l articolo
A Montegiorgio la Settimana Santa era scandita da riti e cerimonie che pur inserite nel solco della correttezza liturgica, nel corso del tempo hanno assunto connotazioni ed aspetti particolari. Il trascorrere del tempo e la riforma liturgica hanno apportato mutazioni ed innovazioni anche profonde, che hanno fatto scomparire ritualità ed usanze. Mi piace ricordare tra queste le cerimonie del Venerdì Santo ricordando che ancora oggi viene celebrata la Processione del Cristo morto senza derogare dagli aspetti religiosi.
Il Venerdì Santo, nel pomeriggio usava la pia pratica delle Tre Ore di agonia, dalle 13 alle 16 circa, predicate e con «con musica per mezzo di un direttore». Più addietro nel tempo la pia pratica aveva assunto i risvolti di un avvenimento artistico. La predicazione era infatti intervallata da musica eseguita da valenti esecutori vocali e strumentali, ingaggiati appositamente.
Dopo la predica il grande Cristo crocifisso viene deposto nella «bara» e quindi portato in processione notturna.
Più anticamente alla sola presenza degli iscritti alla Congregazione della Via Crucis si faceva la deposizione della croce, e, infine, se si aveva il permesso delle autorità, aveva luogo la processione notturna del Cristo Morto e della statua dell’Addolorata.
La bara è portata a spalla da uomini nascosti da un panno nero, che fanno parte di alcune famiglie che tradizionalmente svolgono il servizio.•

About Mario Liberati

MARIO LIBERATI Nato a Montegiorgio (AP) nel 1938 . Maestro. Attualmente è Diacono Permanente della Chiesa di Fermo. E’ stato Consigliere Provinciale della Provincia di Ascoli Piceno dal 1985 al 1995, e per sei anni ha ricoperto l’ incarico di As­sessore Provinciale alla Cultura. Ha fatto parte del Consiglio Nazionale delle Federazioni Regionali degli Ospedali (FIARO). Ha fatto parte del Consiglio Nazionale dell’ Unione Province d’ Italia (UPI) ed ha fatto parte della Commissione Nazionale UPI per la scuola e la cultura. Nel 1985 ha vinto il Premio di Cultura locale “Giovanni Ginobili”. E’ autore di pubblicazioni, tra cui: MONTEGIORGIO insieme con Germano Liberati (1974),MEDICINA POPOLARE. (1985) MONTEGIORGIO NELLA TOPONOMASTICA (1991), VICENDA AMMINISTRATIVA MONTEGIORGESE (1991, 1° vol. e 1992 2°vol.), LE SCELTE ALIMENTARI A MONTEGIORGIO DAL 1770 ALLO STUDIO DEI SETTE PAESI insieme con Flaminio Fidanza. (2009) Ha curato e collaborato tra gli altri alla stesura e pubblicazione dei seguenti libri MONTEGIORGIO nella Storia e nell’Arte (2008), IL TEATRO ALALEONA DI MONTEGIORGIO (2013). Ricopre la carica di Presidente del Comitato di Redazione della collana “I Quaderni Montegiorgesi”.

Vedi anche

Sfoglia e scarica il numero 6

Il numero 6 in formato pdf è online. Nuova veste grafica e consultazione semplificata sia da desktop …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: