Home » prima pagina » Poesie pasquali

Poesie pasquali

Stampa l articolo
La Passione

Ecco che è giunta l’ora,
ingrato peccatore,
rimira il tuo Signore
che alla morte se ne va.
Per te spietato ancora,
vuole abbracciar la morte,
per aprire a te le porte
del suo regno celestial.
All’orto prontamente,
rivolge le sue piante
del buon Gesù è costante
per il Padre suo, l’amor.
Tutto mesto dolorante
in terra cade e langue,
dal gran sudor di sangue
resister più non può.
Arriva il traditore,
Giuda con dispetto,
che dice al Maestro eletto:
“Iddio vi dia il buon dì!”
Risponde il mio Signore:
“Che cerchi, amico mio?”
E Giuda iniquo e rio
col bacio lo tradisce.
Le truppe in quel momento,
con funi e con catene
contro l’amato Bene
subito s’avventano.
E con maggior tormento,
soffrendo il Redentore
con gran pena e dolore
nella prigione sta.
Dalla prigion levato,
con insulto amaro
ad Anna è portato
Gesù pieno d’amor.
Il traditore ingrato,
gli dà una guanciata
e la faccia sua beata
soffre tanto dolor.
Dai soldati è trascinato,
dal proconsole Pilato
per essere processato
come fosse un malfattor.
Pilato spaventato,
dal popolo inferocito
il processo non vuol celebrar
e se ne lava le mani.
Affacciandosi al balcone,
al popolo poi propone
di scegliere tra il Redentore
e un grande malfattore.
O la libertà a Barabba,
o la croce per Gesù,
il popolo incosciente
chiede la croce per l’innocente.
Allor per soddisfare,
del popol l’insolenza,
a sì crudel sentenza
Pilato acconsentiva.
E senza più indugiare,
legato il Redentore
come un malfattore
ognuno lo scherniva.
Legato alla colonna,
battuto e flagellato,
di spine incoronato
è il dolce Redentor.
Questo patir tuo amaro,
di morte così atroce
questa pesante croce
come potrai portar?
Mira o peccatore,
l’appassionato Bene,
con quanti affanni e pene
con la croce se ne va.
Ecco Gesù mio caro,
la croce ho preparata
da me fu fabbricata
con tanto mio peccar.
Piange la cara Madre,
mirando il suo Signore,
pensa che gran dolore
sentiva nel suo cuor.
E tra le guardie armate,
il buon Gesù è caduto
nessun gli porge aiuto
al caro mio Gesù.
E il dolente Figlio,
tutto quanto impiagato,
per salvare l’uomo ingrato,
in croce va a morir.
Il tuo ostinato cuore,
lo fa così languire
in croce va a morire
per la tua infedeltà.
Giunto sull’alto monte,
il buon Gesù innocente
da quella ingrata gente
presto spogliato fu.
E la dolente Madre,
piena d’amor e di zelo,
si leva il suo bel velo,
per coprire il suo Gesù.
Poi lo inchiodano alla croce,
per l’una e l’altra palma,
acciò spirasse l’alma
con più pena e più dolor.
Inchiodano tostamente,
il buon Gesù clemente;
e da quella sete ardente
nessun lo dissetò.
Si fa buio sulla terra,
che molti nembi oscuri
perfino i sassi duri
si mossero a pietà.
Il buon ladrone allora,
pentito del suo errore,
gli dice: “Oh mio Signore,
ricordati di me!”
Gesù risponde allora,
con umiliato viso:
“Nel Santo paradiso
Oggi sarai con me!”
Ecco Gesù morente,
sulla croce languente
con voce dolente
Giovanni chiama a sé.
Dice: “Fratello mio,
io me ne vado al Padre
e la mia dolente Madre
La raccomando a te!”
E Gesù Cristo è morto,
agli inferi è passato
che sia ringraziato
per la santa sua Passione.
Il romano centurione,
mosso a compassione,
per togliere ogni dubbio
con la lancia trapassa il cuor.
Ora ha lasciato il mondo,
volle abbracciar la morte
apritegli le porte
del regno de lassù.
Ecco, Gesù che è morto,
nella tomba vien deposto
e con gli angeli del cielo
la gloria a Dio portò.
Ricorda peccatore,
l’appassionato Bene
fra quanto grosse pene
sulla croce per te soffrì.
Piangi con cuor contrito,
con vero pentimento
e con proponimento
di non insultarlo più.
Il terzo giorno intanto,
Gesù è risuscitato,
suoni feste e canti
al vivente che tutti aiuterà. •

GIOVEDì SANTO

In quella sera del Giovedì Santo,
Maria java coperta del suo manto;
andò Tarbino e andò Tarbinello
jé la portò ‘na mala novella
che il suo Figlio se batte e se flagella.
Maria quanno sintì questa novella
cadde per morta tutta longa in terra;
andò la sua sorella che la consolava:
“Orsù Maria non tanto dolore,
che tutte le mamme ha quarche figliolo
e se recorda de ‘sta santa passione!”
Allora Maria se mise per la via,
‘ncontrò li falegnami che facìa la croce:
“Dio ve cce aiuta, mastri falegnami,
per chi la fate la presente croce?”
“O Madonnella giacché ci sei parlato,
la croce la facciamo è per il vostro figlio!”
“Non la fate né grossa né pesosa
ché la deve porta sulle spalle preziose!”
“A noi o Maria, c’è stato commannato,
jé la facimo grossa, lunga e quatra,
acciò lu ‘cciacchi da ‘na parte e ‘n’atra!”
Maria quanno sintì questa novella,
cadde per morta tutta quanta in terra.
Andò la sua sorella pure a consolalla:
“Orsù, Maria, non tanto dolore,
tutte le mamme ha qualche figliolo
e se recorda de ‘sta passione!”
Allora Maria se mise per la via,
‘ncontrò li ferrari che li chiodi facìa,
“Io ve ddomanno, o mastri ferrari,
per chi ne fate quessi grossi chiodi?”
“O Madonnella, giacché ci sei parlato,
famo li chiodi pel vostro figliolo!”
“Non li fate né lunghi né puntuti,
ché ne le passa lle carni gentili!”
“A noi, o Maria, c’è stato commannato,
tre livre de ferro c’è stato pesato,
tre livre de ferro ci ha dato Pilato,
acciò che se rebatta da ‘na parte a ‘n’atra!”
Maria, comme sintì questa novella,
cadde per morta tutta longa in terra.
Arrivò la sua sorella per consolarla:
“Orsù, Maria, non tanto dolore,
tutte le mamme ha quarche figlio
e se recorda de ‘sta santa passione!”
Allora Maria se mise per la via,
‘ncontra li mastri che facìa ‘na corona:
”Dio ve cce aiuta mastri coronari,
per chi la fate quessa spinacorona?”
“O Madonnella giacché ci sei parlato
famo la corona pel vostro figliolo!”
“No la fate né stretta né spinosa,
ché la dà portà quella testa graziosa!”
“A noi, o Maria, ce stato commannato,
de mettece li spì più dell’usato,
acciò òlu punceca de ‘na parta e ‘n’atra!”
Maria, comme sintì quella novella,
cadde per morta tutta longa in terra.
Andò la sua sorella che la consolava:
“Orsù, Maria non tanto dolore,
tutte le mamme ha quarche figliolo
e se recorda de questa passione!”
Allora Maria se mise per la via,
‘ncontrò Giovanni che incontro jé vinìa:
“O caro Giovanni mio, caro Giovanni,
lu fusti vistu lu Figliu miu?”
“Cara zia, scì che l’ho veduto,
al monte Calvario, su è stato menato.
La corona jé stata levata,
una de spì jé stata ‘ncappata!”
“Caro fratello mio, caro fratello,
t’era nepote e tu li scì lasciatu ello?”
“Cara zia, era notte e no nce sse vidìa,
comme ‘na creatura ce sfuggìa!”
Maria comme sintì questa novella,
cadde per morta tutta longa in terra.
Andò la sua sorella che la consolava:
“Orsù Maria non tanto dolore,
tutte le mamme ha quarche figliolo
e se recorda de ‘sta passione!”
Allora Maria, se mise per la via,
certi Giudei incontro jé vinìa;
ma appena arrivò in quella valle
incomincia a vedé le gocce de sangue.
“O Matalè, Matalena mia,
questo è lo sangue de lu Figliu mia!”
Prima lo piagne e po’ lo suspirà,
dentro lu pettu se lo mittìa.
“O Mamma, o Mamma comme scì capitata
fra tanti lupi e cani rinnegati?”
“L’edittu tuu fu fattu ieri sera,
che jò dentro d’un fossu te buttesse!”
“O Mamma, Mamma giacché ci sei vinuta,
‘na stilla d’acqua me putristi dare
pe’ rrenfrescamme queste sante labbre?”
“O Figliu, non saccio né fonti né fontane,
non saccio dove jì in questa contrada;
non saccio né fonti né fontanini
non saccio dove jì tra ‘sti vicini.
O Figliu se tu te potessi inchinare
la zinna in bocca ti vorrei dare,
la zinna per poterti dissetare!”
Li Giudei, allora, che sentirono questo,
corsero co’ lo fiele e co’ l’aceto.
“O Mamma, Mamma che m’avete dato?
Tutta la vocca m’avete ‘mmarellato!”
“O Figliu, Figliu non so’ stata io,
è statu invece un brutto Giudeo
un Giudeo de quilli che t’ha rinnegato
l’aceto co’ lo fiele che t’ha dato!”
Ma li Giudei che sentirono questo,
‘na spinta subboto dettero a Maria.
Se stacca lu Figliu suu da la Croce:
“De la vita mia fate quello che ve piace,
la cara Mamma mia non me la tocchete!.
De la vita mia fate li flagelli,
ma non tocchete la Mamma mia vèlla!!
Mamma benediceme che io mòro!”
Povera madre che se gran dolore!
“Dio te benedica ‘ssi santi piedi,
chi resiste a vedette cuscì ‘nchiodatu?
Dio te benedica ‘sse sante recchie,
cuscì ‘nchiodatuchi te putrìa regge?
Dio te benedica le sante gionocchie,
chi te le vo’ vedé in croce scomposte?
Dio te benedica le sante costate,
chi te vo vedé piene de lancettate?
Dio te benedica ‘sse sante bracce,
chi te le vo’ vedé in croce sparse?
Dio te benedica quessa santa barba,
chi te vo’ vedé in su la croce stacce?
Dio te benedica quessa santa vocca,
chi te vo’ vedé su la croce mortu?
Dio te benedica quissu santu capu,
chi te vo’ vedé su la croce ‘nchinatu?
Dio te benedica quissi santi occhi,
chi te vo’ vedé su la croce mortu?
Dio te benedica quissi santi capigli,
chi te vo’ vedé in croce con quilli?
Cara jente che l’avete scordata,
questa è la pasciò che Dio ha passato,
cara jente che l’avete sentita
questa è la pasciò che Dio ha patita!

About la redazione

Vedi anche

Il danno e la beffa

Domattina andrò a votare, ma sarà un po’ controvoglia; e se un segno dovrò fare, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: