Home » economia » Socializzare i guadagni

Socializzare i guadagni

Stampa l articolo
Fermo: la Solgas ceduta in parte alla SGR di Rimini per cinque milioni di euro

Il Comune di Fermo ha ora cinque milioni e rotti di euro da spendere. Speriamo li impieghi bene. Speriamo li impieghi a sostegno delle famiglie e per la riduzione di tasse e imposte.
Sono i soldi arrivati dalla vendita del 49% delle quote Solgas alla SGR di Rimini. Le buste con le offerte sono state aperte la settimana scorsa.
C’è molta soddisfazione in giro. Tra politici e popolazione. Si è venduto al momento giusto, dicono, incassando bene e tenendo la maggioranza. Che si abbia però la maggioranza di fatto non è esattamente così.
È sacrosanto che il 51% resta al comune di Fermo ma è altrettanto vero che l’amministratore sarà della SGR, che certo – grande com’è, esperta com’è – non si farà imporre scelte dal Municipio fermano. Si faranno dilazioni nei pagamenti? Si potrà contare sul rapporto umano?
Sulla questione che prima o poi, dinanzi a gruppi del gas consistenti, si sarebbe dovuto alienare una parte, ci sarebbe qualcosa da ridire.
È certo che la piccola seppur virtuosa Solgas di Filippo Ercoli nei prossimi anni avrebbe dovuto competere con avversari molto più grintosi e muscolosi.
Ce l’avrebbe fatta? Pensiamo di no.
A meno che non si fosse operato diversamente. Compiendo una scelta che però andava fatta anni or sono.
Ovverosia, la costituzione di un consorzio effettivo tra i comuni del Fermano, quanto meno i maggiori: Fermo, Montegranaro, Monte Urano, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio e via dicendo.
Questo non è accaduto.
Realismo allora vuole che oggi si sia corsi ai ripari. Ma realismo vuole pure che si dica come questo territorio sia stato incapace – provincia o non provincia – a mettersi insieme per compiere una scelta coraggiosa e lungimirante.
Non stiamo qui a sottolineare per colpa di chi.
Oggi ci gustiamo la soddisfazione del momento. Ma domani? •

About Adolfo Leoni

Vedi anche

Il quotidiano “Avvenire” racconta la storia di Di Ruscio emigrante fermano ad Oslo

Luigi Di Ruscio partì da Fermo nel 1957 per Oslo, dove restò 54 anni fino …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: