Home » per riflettere » Il primo terremoto dell’era “total-social”

Il primo terremoto dell’era “total-social”

Stampa l articolo
Si sta consumando il primo terremoto dell’era “total social”, con il suo carico di distruzione, morte, sofferenza e perdita, documentato non solo dai tradizionali mass-media, ma da milioni di persone attraverso Facebook, Instagram, Twitter, Whatsapp, Snapchat e gli altri social network. I media tradizionali – Tv, radio e giornali – hanno faticato non poco a star dietro alle notizie social, che si sono sviluppate in alcune macro-direzioni, indicative, anche se non certo esaustive, di nuove sensibilità antropologiche di cui tener conto soprattutto in campo educativo.
La prima è quella dell’emozione pseudo-empatica: si crede – ma in fondo non si è convinti più di tanto – di solidarizzare con le vittime, di provare lo stesso dolore, mentre è la propria emozione a venire gerarchicamente prima del dolore altrui; sono molte le frasi auto-centrate e non-empatiche come “sto piangendo”, “mi sono commosso”, “mi sento male”, “non ce la faccio a vedere tutto questo dolore” piuttosto che l’umanissima espressione popolare “povera gente” che porta dentro sé la sofferenza altrui, condividendola.
La seconda direzione è quella della narrazione iper-realistica, fatta di immagini esplicite di uomini, donne e – ahimè – bambini estratti feriti o morti da sotto le macerie; una narrazione persino più cruda di quella dei media tradizionali che, annusando il sangue come un carnivoro da savana, hanno inseguito la preda mediatica ferita, debole e indifesa, senza più muri di casa a proteggerne il pudore.
La terza è quella della solidarietà cripto-esibizionista, su cui si sono buttati in diversi, famosi o meno: dalla destinazione di non ben definiti proventi discografici, fino alle raccolte di beni senza tenere conto delle necessità e delle richieste dei soccorritori.
È emblematica la vicenda del fraintendimento comunicativo con Mark Zuckerberg, che avrebbe donato 500mila Euro alla Croce Rossa; in realtà il megafono mass-mediale si è accorto in ritardo che non si trattava di denaro contante ma di un plafond di ADS, ovvero inserzioni pubblicitarie gratuite su Facebook, per promuovere, cito testualmente: “ricerca di volontari, richiesta di donazione di sangue, mettersi in contatto per le persone che hanno bisogno di un posto in cui stare”. Ma – mi chiedo – la Croce Rossa ha bisogno di promuovere gratuitamente su Facebook attività che svolge da sempre in autonomia?
Così è il primo terremoto dell’era “total-social” e siamo tristi. Per i fatti drammatici e per come li stiamo vivendo. •
Marco Brusati, Direttore generale di Hope
Docente nel master eventi presso l’Università di Firenze

About la redazione

Vedi anche

Dalle polverose macerie alla luce

Oltre 900 beni artistici ecclesiastici recuperati dopo il sisma Carabinieri, vigili del fuoco, unità di …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: