Home » prima pagina » Le 10 cose che un malato di cancro non vorrebbe mai sentirsi dire

Le 10 cose che un malato di cancro non vorrebbe mai sentirsi dire

Stampa l articolo
Quando veniamo a scoprire che qualcuno che conosciamo, a cui vogliamo bene è affetto da cancro, il nostro atteggiamento nei suoi riguardi cambia. Sapete quali sono le cose che nessun malato vorrebbe mai sentirsi dire? Sono sicuramente tutte frasi che ci è capitato di sentire o di utilizzare noi stessi, e che ora sappiamo di non dover pronunciare più. A stilare il curioso quanto utile decalogo delle frasi da non dire ad un malato di cancro, è stata la giornalista inglese Deborah Orr, cronista politica del The Guardian, che quando ha scoperto di avere un cancro, non ha comunque smesso di lavorare, anche se il suo punto di vista è cambiato di conseguenza. La sua attenzione, infatti, si è concentrata sull’aspetto mentale, psicologico della malattia, ma anche su quello sociale, e così ha cominciato a fare attenzione ai diversi approcci delle persone nei confronti dei malati di cancro, e al loro modo di esprimere la solidarietà e la partecipazione.

1. “Non sai quanto mi dispiace per te”, frase davvero mortificante, perché: “ti fa sentire oggetto di pietà e compassione, non è esattamente una bella sensazione ascoltarla”.

2. “Se c’è qualcuno che può combattere questa malattia, sei proprio tu!”, anche questo tipo di espressione sarebbe da bandire, perché: “sottintende che solo chi ha un carattere di ferro può farcela, non è di grande conforto, specie se in quel momento ti senti fragile e demoralizzato, come è possibile o normale che sia”, spiega la Orr.

3. “Ti trovo proprio bene”, frase che suona falsa e inutile.

4. “Hai un pessimo aspetto”, fa da contraltare all’ipocrisia della precedente, ed è davvero crudele nella sua sincerità: “Un malato non ha certo bisogno di ricevere una conferma del proprio stato”, commenta la Orr.

5. “Fammi sapere i risultati degli esami”, terribile gaffe! Nessun malato ha voglia di pubblicizzare l’andamento del proprio tumore, semmai, si dovrebbe aspettare che fosse la persona, se vuole, a renderne partecipe l’altro.

6. “Qualunque cosa io possa fare per aiutarti, sono a tua disposizione”, una frase che fa letteralmente cadere le braccia. Se si vuole davvero aiutare un malato di cancro si deve prendere l’iniziativa direttamente, come fare da baby sitter per i bambini, o fare qualche commissione. Essere concretamente propositivi.

7. “Le tue preoccupazioni sono infondate”, mai dirlo, fa ipotizzare esattamente l’opposto.

8. “Cosa si sente davvero con la chemioterapia?”, ecco un tipo di curiosità fuori luogo da risparmiarsi.

9. “Ho davvero bisogno di vederti”, frase poco opportuna, perché, come spiega la Orr: “gli ammalati sono implicati in mille spiacevoli impegni, tra esami, analisi e medici, e non è così semplice trovare il tempo per vedere subito tutti”.

10. “Sono terribilmente sconvolto per la tua condizione”, espressione indelicata, che non serve certo a migliorare l’umore del malato. Meglio essere positivi, senza diventare inutilmente entusiasti.
Dal web

About la redazione

Vedi anche

Padri e madri: figure impotenti?

La guerra tra morale domestica e chiacchiera mediatica In molte famiglie con adolescenti pare che …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: