Home » maceratese » I bambini di Morrovalle alla scoperta del paese e della Caritas

I bambini di Morrovalle alla scoperta del paese e della Caritas

Stampa l articolo
Durante il periodo di quaresima abbiamo avuto la gioia di accogliere presso la Caritas parrocchiale di Morrovalle e Trodica tutti gli alunni del plesso scolastico di via Giotto nell’ambito del progetto Io vivo qui. L’idea è stata proposta dall’insegnante Rosaria Ridolfi con lo scopo di far conoscere ai ragazzi le realtà che li circondano, affinché possano interagire un giorno con esse, ma principalmente perché ne conoscano gli alti valori che le animano e perché siano per loro modelli di formazione.
L’iniziativa, che scaturisce anche dallo spirito del Patto Educativo realizzato a Morrovalle, è patrocinata dal Comune con il contributo di Morrovalle servizi, Progenia consulting and trust, l’Associazione fare teatro Incanto, la Fototeca comunale e l’Archeoclub .
L’esperienza con i bambini e le insegnanti che li accompagnavano è stata interessante, difatti gli scolari hanno posto molte domande e hanno raccontato come anche loro si sperimentano nell’accoglienza e nella vicinanza con i propri nonni e con i compagni di scuola. Se la sensibilità viene coltivata e si danno le giuste informazioni, come la realtà che li circonda, cresceremo degli uomini veri, autentici e coraggiosi.
Sottolineo questa esperienza perché ancora una volta la formula del lavoro in rete è un metodo vincente per chi lo riceve, ma in modo particolare per chi lo fa e lo vive: confrontarsi con professioniste come le insegnanti che già avevano fatto un lavoro di preparazione a scuola, cimentarsi a rispondere alle domande dei ragazzi sulla motivazione del nostro volontariato, sullo spirito di interculturalità, di giustizia sociale, di comprensione dei più fragili e dei più poveri è stata una bella sfida che ci ha emozionato e ci ha aiutato a vivere più intensamente la Quaresima.
Il progetto che ha fatto conoscere ai ragazzi quasi tutte le realtà associative o di servizio esistenti nel nostro paese si concluderà con un momento di festa il 1 giugno, giorno in cui verrà proiettato il video che Achille Natali sta montando raccogliendo i momenti salienti dello svolgimento del progetto scolastico. •

Giuliana Zacconi

About la redazione

Vedi anche

A Gualdo, un campo diverso dal solito

Il terremoto è una realtà della vita terribile, non solo per la morte e la …

Rispondi