Home » Speciale 10 anni » La tradizione non basta

La tradizione non basta

Stampa l articolo
Sono ormai dieci anni che La Voce delle Marche, sotto la guida di don Nicola, esiste e resiste. Ciò lo si deve al gruppetto di collaboratori, ma soprattutto alla sua tenacia di Direttore che, ogni quindici giorni, rinnova il prodigio di una sorta di creatio ex nihilo. Con scarsissimi mezzi e risorse prossime a zero, manda infatti avanti un quindicinale online che tenta di rendere presente la nostra Diocesi nel vasto mondo del cyberspazio. Non so se questa Voce sarà ancora in grado di parlare in una Diocesi balcanizzata, in cui alla comunicazione e al dibattito delle idee si sono sostituiti il silenzio e la scarsità di proposta culturale. Personalmente ritengo che per il futuro occorrerebbero tre cose.

Non sarebbe sbagliato, in primo luogo, cambiare titolo. La Voce delle Marche è titolo troppo impegnativo e irrealistico. Non riusciamo ad essere voce di noi stessi, figuriamoci se lo possiamo essere delle Marche! Certo c’è la gloriosa tradizione della testata. Forse però non sarebbe male lasciarsi la tradizione alle spalle e pensare a un nuovo titolo.

Occorre, in secondo luogo, trasformare il quindicinale online in un mensile con doppio corso: online e cartaceo. Ciò favorirebbe, secondo me, la visibilità della testata.

Sarebbe opportuno, in terzo luogo, impegnarsi in una battaglia culturale per sostenere la linea di Papa Francesco. Questa scelta comporterebbe, a differenza di quanto furbescamente fanno molti, non ridurre i suoi pensieri a pensierini che ricalcano le frasette contenute nei cioccolatini. Va dato spazio, quindi, ad una approfondita lettura di Evangelii Gaudium e di Amoris Laetitiae, ricorrendo anche al contributo di esperti.

Sarebbe opportuno, inoltre, farsi promotori di una rialfabetizzazione conciliare, dopo che, per cinquanta anni si è affermata una lettura anticonciliare del Vaticano II.

Poi si potrebbero fare altre cose, ma per quelle ci penseranno altri.

Una però la posso indicare subito: evitare le retoriche del come eravamo, e la fiction che spaccia un passato immaginario come nostro radioso futuro. •

About Gian Filippo Giustozzi

Vedi anche

Il saluto del Direttore dell’ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei

Il tempo scivola via in fretta. Dieci anni di storia per una testata giornalistica sono …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: