Home » prima pagina » Responsabili dei beni

Responsabili dei beni

Stampa l articolo

NOTA PASTORALE NUMERO 2

L’aspetto amministrativo rappresenta un settore di i grande importanza per la vita della Chiesa in quanto riguarda aspetti complessi e molteplici che condizionano l’ordinato svolgimento dell’attività pastorale nelle singole parrocchie e nella Diocesi. C’è la necessità di aggiornare l’attività in campo giuridico economico sia alla luce del Concordato entrato in vigore il 18 febbraio 1984, sia per quanto riguarda le competenze del Vescovo che dei Consigli Pastorali per gli affari economici parrocchiali e diocesano.
Pur se secondaria, rispetto a quella Pastorale, l’attività economica in ambito diocesano richiede attenzione e competenze molto coinvolgenti. La Chiesa ha il diritto di possedere beni materiali al solo scopo di poter esercitare nel migliore dei modi la sua missione pastorale. I Pastori sono i custodi ed i gestori dei beni.
“Le finalità pastorali ispirano le scelte economiche e non viceversa.”
Il Vescovo ed i Parroci non possono essere esperti in materia economica, ma restano anche “Pastori nella gestione dei beni” e necessitano dell’aiuto di persone che siano competenti in materia, ma anche cristiani convinti.
Molti sono gli strumenti a disposizione per una retta gestione economica, a partire da Codice di Diritto Canonico alle diverse disposizione emanata dalla Conferenza Episcopale Italiana e Marchigiana e dal Vescovo.
Il Vescovo suggerisce che:
la Diocesi e gli Enti ecclesiastici si dotino di un accurato inventario del patrimonio immobiliare,
vengano revisionate ed aggiornate le modalità di concessione di beni a terzi,
vengano salvaguardate le finalità proprie di ogni Ente, con particolare riguardo alle finalità di religione e di culto.
La nota si conclude con la pubblicazione di un “Decreto di determinazione degli atti di straordinaria amministrazione per le persone giuridiche soggette al Vescovo Diocesano”. I contenuti salienti rilevano che sono atti soggetti al Vescovo Diocesano, tra gli altri:
l’alienazione di beni immobili di qualsiasi valore;
l’acquisto a titolo oneroso di immobili;
l’accettazione o la rinuncia a donazioni, eredità, legati;
la manutenzione ordinaria o straordinaria di immobili per importi superiori a 15.000 Euro;
qualsiasi intervento su beni mobili o immobili di interesse storico, artistico o culturale
l’assunzione di personale. •

About Mario Liberati

MARIO LIBERATI Nato a Montegiorgio (AP) nel 1938 . Maestro. Attualmente è Diacono Permanente della Chiesa di Fermo. E’ stato Consigliere Provinciale della Provincia di Ascoli Piceno dal 1985 al 1995, e per sei anni ha ricoperto l’ incarico di As­sessore Provinciale alla Cultura. Ha fatto parte del Consiglio Nazionale delle Federazioni Regionali degli Ospedali (FIARO). Ha fatto parte del Consiglio Nazionale dell’ Unione Province d’ Italia (UPI) ed ha fatto parte della Commissione Nazionale UPI per la scuola e la cultura. Nel 1985 ha vinto il Premio di Cultura locale “Giovanni Ginobili”. E’ autore di pubblicazioni, tra cui: MONTEGIORGIO insieme con Germano Liberati (1974),MEDICINA POPOLARE. (1985) MONTEGIORGIO NELLA TOPONOMASTICA (1991), VICENDA AMMINISTRATIVA MONTEGIORGESE (1991, 1° vol. e 1992 2°vol.), LE SCELTE ALIMENTARI A MONTEGIORGIO DAL 1770 ALLO STUDIO DEI SETTE PAESI insieme con Flaminio Fidanza. (2009) Ha curato e collaborato tra gli altri alla stesura e pubblicazione dei seguenti libri MONTEGIORGIO nella Storia e nell’Arte (2008), IL TEATRO ALALEONA DI MONTEGIORGIO (2013). Ricopre la carica di Presidente del Comitato di Redazione della collana “I Quaderni Montegiorgesi”.

Vedi anche

Fa assaporare il gusto della Parola spezzata

Ho conosciuto mons. Luigi Conti in occasione del mio incarico di delegato dell’Azione Cattolica Italiana …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: