Home » per riflettere » Come difendere la dignità?

Come difendere la dignità?

Stampa l articolo

Le case chiuse sono forse già aperte nei cellulari?

In questa lunga campagna elettorale stanno tenendo banco temi che paiono cucinati apposta per le tifoserie domenicali, che, per loro natura o sono pro o sono contro: vaccini, flat-tax, fake news, sicurezza e via dicendo. Tra questi, ce n’è uno che sembrava escluso dall’agone politico tant’è politicamente scivoloso e spinoso: la riapertura delle case chiuse vietate dalla Legge Merlin del 1958.
Il tema, come era ampiamente prevedibile, ha suscitato abbondanti discussioni su giornali, radio, Tv e Web, diventando uno tra i più gettonati nell’italica campagna elettorale per il voto del 4 marzo. Moltissime sono state le autorevoli voci contrarie alla proposta, provenienti soprattutto dal mondo ecclesiale, educativo e femminista, che giustamente vedono nella regolamentazione di quest’attività da parte dello Stato una lesione alla dignità della persona, anche nel caso in cui fosse frutto di una scelta consapevole e volontaria. Si sta quindi chiedendo correttamente allo Stato di continuare a proteggere la persona anche da se stessa.
Tuttavia, mentre genitori e nonni discutono della Legge Merlin, i loro figli e nipoti, senza alcuna protezione normativa o sociale, sono aggrediti in età sempre più infantile da una cultura prostitutiva di massa che passa, inevitabilmente, dallo smartphone, inseparabile compagno digitale che li introduce ad una visione di sé e degli altri di stampo pansessualista, dove non esiste l’eros ma la porneia, dove il corpo proprio e degli altri è una fonte di piacere da sfruttare e far fruttare.
Così, per esempio, milioni di ragazzine e ragazzini di scuola media che usano Snapchat rischiano fortemente di crescere con questa visione della vita, che toglie spazio e tempo a relazioni serene, equilibrate, delicate e non violente: secondo QC, infatti, Snapchat è pensata “apposta per scambiarsi foto a luci rosse”, per “rimorchiare in totale libertà”, per rendersi “sexy più che mai” senza fare la “figura degli sf***ti”, perché, altrimenti, “non ci sono foto sexy che tengano”; si tratta di una Chat che fa scambiare oltre 10 miliardi di video e immagini al giorno e che viene usata, per il 25%, da utenti tra i 13 (età minima per iscriversi) ed i 17 anni, il che fa capire che miliardi di video e immagini in un ambiente digitale nato per il sexting vengono scambiati ogni giorno da minorenni, anche molto piccoli. Le stesse considerazioni valgono, per esempio, per i gruppi segreti di Whatsapp che creano una zona franca in cui nessun adulto può entrare, né verificare, né aiutare, né correggere, né educare.
Le Chat, tuttavia, sono i collettori di condotte che, negli smartphone dei nostri giovanissimi figli, sono presentate come normali, alla moda e come parte di una modernità inarrestabile.
E non si tratta (tragicamente soltanto) dell’accesso alla pornografia mainstream ad una età in cui si deve ancora giocare con bambole e  macchinine, ma di un modus vivendi attuato, sostenuto e promosso 24 ore al giorno da chi conta, ha credito ed è seguito, ovvero gli idoli dei giovanissimi.
Il mondo adulto, soprattutto quello educante, è talmente assuefatto e scoraggiato che, solo per citare un esempio, a nessuno è venuto in mente di sollevare almeno un sopracciglio sul video Chosen, girato dai vincitori dell’ultima edizione di X Factor, i Måneskin, ambientato nel corridoio di un albergo con le porte rosse, che evoca, senza usare nemmeno troppa fantasia, una di quelle case chiuse che qualcuno vorrebbe riaprire: tra scene erotiche, ragazze provocanti che attendono sulla porta della stanza, un prete con Bibbia e Rosario in mano in cerca di avventura, un bacio tra donne, appare, ben evidente, un avviso che mette in guardia i genitori che sono presenti contenuti espliciti, cui segue un nudo del leader del gruppo.
Si è talmente assuefatti da non accorgersi che 3 dei 4 componenti della band sono minorenni e che sono protagonisti di un video in cui i loro genitori sono invitati a proteggerli dalle loro stesse immagini.
Nasce, a questo punto, una domanda: le case chiuse sono forse già aperte nei cellulari delle ragazzine e dei ragazzini di scuola media? •

About la redazione

Vedi anche

RITRATTI: Giovanni Miconi

Tutto parte da Cecco d’Ascoli. Sono i giorni precedenti il sisma. Estate 2016. Alla Gola …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.