Home » associazioni » Visitare gli anziani per capire la vita

Visitare gli anziani per capire la vita

Stampa l articolo
Vivono di ricordi e provano ogni giorno dolore e solitudine, e se riuscissimo per un attimo ad entrare nelle loro menti e nei loro corpi fragili, ci accorgeremmo che quei “lamentosi vecchietti” non si lamentano mai abbastanza. Sono aggrappati alla vita perché hanno imparato ad amarla così com’è. Troppo spesso noi non li capiamo, li pensiamo egoisti, siamo superficiali, perché non ascoltiamo veramente le loro esigenze, che per loro sono fondamentali. Io ho provato ad entrare nelle loro logiche, mi sono fatta raccontare e ho raccontato di me; ho aderito alla loro visione, ai loro consigli e ho scoperto cose nuove e grandi ogni giorno. È andando a fondo di queste logiche che si costruisce. Ho imparato che gli anziani non sanno entrare nelle nostre moderne logiche, ma capiscono tantissime cose di noi, perché hanno avuto i nostri stessi desideri. Lucia, 90 anni circa, soffre la solitudine e prega tutto il giorno, da bambina difendeva sua madre dalle percosse del padre, lei mi ha insegnato quando è giusto allontanarsi da un uomo.
Anna, 80 anni circa, è rimasta sola, avevo sentito parlare di lei, non molto bene a dire il vero… di lei ho scoperto che è solo una persona estremamente sensibile, piena di paure, che ha amato follemente suo marito con il quale si è rinchiusa in un mondo dal quale ancora non vuole uscire.
Antonio è un ospite della casa di riposo e non è ben visto dalle signore, ne ha combinate eh… Conoscerlo nell’ ultima fase della sua vita permette di essere privi di pregiudizi e di poter godere del suo meraviglioso anziano sorriso quando per l’ennesima lo chiami per nome e lui risponde “che te ricordi come me chiamo?”, che per me significa “Ma che ancora conto qualcosa?”.
Rita, 91 anni, single per scelta, è un’artista, e adesso ha un po’ d’influenza ed è preoccupata per la sua guarigione, perché il 4 Marzo deve assolutamente andare a votare, o meglio “devo fa la croce do vedo la falce co lu martellu”. Nel centro storico della mia città c’è un quartiere dove ancora ci si può lasciar trasportare dal suo folclore…
Le anziane di questo quartiere mi hanno insegnato cos’è l’amicizia, si aiutano e litigano da cinquant’anni.
C’è una signora con un Alzheimer avanzato con la quale è impossibile comunicare, ma tutte, con tutte le loro difficoltà la vanno a trovare e stanno con lei con lo stesso sguardo di sempre perché, malata o non malata, lei, è la loro amica.
Alida, che significa “guerriera”, ha 83 anni e una miriade di eventi tragici di cui parlare, ma guarda sempre avanti e combatte ogni giorno per il suo domani. Consiglia ed informa le sue amiche su tutto, da come gestire le pensioni a come fare richiesta per i servizi attivi per gli anziani. I dolori che la affliggono, derivanti soprattutto dall’osteoporosi, non la fermano e mentre a fatica sale le scale ripete come un mantra “quessa non la vigne”.
Agata ha 94 anni, bisnonna intelligente e raffinata, non vuole dire la sua età perché il suo segreto per stare bene è non pensare al tempo che passa. Abbandonata dal padre e rimasta orfana di madre, viene adottata dalla poverissima famiglia della zia. Lei mi ha insegnato ad apprezzare le piccole cose.
Ho imparato che questi “lamentosi vecchietti” fanno parte della società e dovremmo favorire la loro voglia e il loro bisogno di far sentire la loro voce, ma soprattutto, che ci possono riempire il cuore. •
Lara Grillini

About la redazione

Vedi anche

Il neonato e l’osteopatia

Il trattamento tempestivo evita e previene tante patologie I neonati  nel nostro Paese, anche se …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.