Home » voce ecclesiale » Agosto a Roma con il Papa

Agosto a Roma con il Papa

Stampa l articolo

Proposte estive di Pastorale Giovanile

Si può iniziare l’incontro recitando insieme la preghiera per il Sinodo riportata di seguito:

Signore Gesù,
la tua Chiesa in cammino verso il Sinodo volge lo sguardo a tutti i giovani del mondo. Ti preghiamo perché con coraggio prendano in mano la loro vita, mirino alle cose più belle e più profonde e conservino sempre un cuore libero. Accompagnati da guide sagge e generose, aiutali a rispondere alla chiamata che Tu rivolgi a ciascuno di loro, per realizzare il proprio progetto di vita e raggiungere la felicità. Tieni aperto il loro cuore ai grandi sogni e rendili attenti al bene dei fratelli. Come il Discepolo amato, siano anch’essi sotto la Croce per accogliere tua Madre, ricevendola in dono da Te. Siano testimoni della tua Risurrezione e sappiano riconoscerti vivo accanto a loro annunciando con gioia che Tu sei il Signore. Amen.

In alternativa si può recitare il Salmo 26:
Il Signore è mia luce e mia salvezza, di chi avrò paura? Il Signore è difesa della mia vita, di chi avrò timore?
2 Quando mi assalgono i malvagi per straziarmi la carne, sono essi, avversari e nemici, a inciampare e cadere.
3 Se contro di me si accampa un esercito, il mio cuore non teme; se contro di me divampa la battaglia, anche allora ho fiducia.
4 Una cosa ho chiesto al Signore, questa sola io cerco: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita, per gustare la dolcezza del Signore ed ammirare il suo santuario.
5 Egli mi offre un luogo di rifugio nel giorno della sventura. Mi nasconde nel segreto della sua dimora, mi solleva sulla rupe.
6 E ora rialzo la testa sui nemici che mi circondano; immolerò nella sua casa sacrifici d’esultanza, inni di gioia canterò al Signore.
7 Ascolta, Signore, la mia voce. Io grido: abbi pietà di me! Rispondimi.
8 Di te ha detto il mio cuore: «Cercate il suo volto»; il tuo volto, Signore, io cerco.
9 Non nascondermi il tuo volto, non respingere con ira il tuo servo. Sei tu il mio aiuto, non lasciarmi, non abbandonarmi, Dio della mia salvezza.
10 Mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, ma il Signore mi ha raccolto.
11 Mostrami, Signore, la tua via, guidami sul retto cammino, a causa dei miei nemici.
12 Non espormi alla brama dei miei avversari; contro di me sono insorti falsi testimoni che spirano violenza.
13 Sono certo di contemplare la bontà del Signore nella terra dei viventi.
14 Spera nel Signore, sii forte, si rinfranchi il tuo cuore e spera nel Signore.

Ogni giovane alla fine della lettura del Salmo potrebbe ripetere ad alta voce un versetto che lo ha colpito. Senza per forza far dire al giovane il perché, lasciamo libero lo Spirito Santo di agire. 
Prima di iniziare l’incontro è bene mettere a proprio agio i giovani, facciamo dire i loro nomi, che scuola frequentano, lo sport che fanno… (ognuno di noi si prende a cuore la vita dei giovani). Di seguito trovate il brano del Vangelo e una piccola riflessione. La domanda centrale che ci interessa è: “Che cercate?”

GV 1,35-42
35Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36 e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: “Ecco l’agnello di Dio!”. 37E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: “Che cosa cercate?”. Gli Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. 40Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: “Abbiamo trovato il Messia” – che si traduce Cristo – 42e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: “Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa” – che significa Pietro.
«E voi giovani, quali paure avete? Che cosa vi preoccupa più nel profondo? Una paura “di sottofondo” che esiste in molti di voi è quella di non essere amati, benvoluti, di non essere accettati per quello che siete. (…)
La grazia di Dio tocca l’oggi della vostra vita, vi “afferra” così come siete, con tutti i vostri timori e limiti (…)
Voi giovani avete bisogno di sentire che qualcuno ha davvero fiducia in voi: sappiate che il Papa si fida di voi, che la Chiesa si fida di voi! E voi, fidatevi della Chiesa! (…) Accettate la sfida?».
Che cerchi quando ti alzi la mattina? Che cerchi quando sei a scuola? Che cerchi quando ti annoi oppure sei felice? Che cerchi quando ti entusiasmi oppure quando sei addolorato ed arrabbiato?
Queste domande esprimono l’appello che Gesù rivolge ai suoi primi amici: “Che cercate?”. Tu come risponderesti a questa domanda?
Ecco allora la prima domanda che Gesù oggi rivolge a tutti i giovani che si accingono a iniziare un cammino di discepolato. In maniera più vicina a noi potremmo tradurla così: «Che cosa stai cercando dal tuo cammino di vita cristiana?»; «Che cosa speri di ottenere attraverso le esperienze di studio, di animazione, di servizio ai piccoli e ai poveri?». In maniera più ampia invece si potrebbe pensare a queste domande: «Che cosa desideri veramente da me?»; desideri «Il tuo essere cristiano da quali motivazioni profonde attinge? È una convenienza sociale oppure una scelta responsabile, pensata, convinta». «La sequela di Gesù è un mezzo, uno strumento per arrivare ad altro, oppure è il senso supremo della tua esistenza, il tutto della tua vita?».

 

In vista del prossimo Sinodo dei Giovani, la Chiesa italiana attraverso il Servizio nazionale per la Pastorale giovanile, ha lanciato l’iniziativa Siamo Qui! che si svolgerà a Roma dall’11 al 12 agosto 2018, dedicata ai giovani di età compresa tra i 16 e i 30. Per le iscrizioni i gruppi e le singole persone devono far riferimento alle diocesi).
Nella settimana che precede l’appuntamento dell’incontro a Roma dei giovani con Papa Francesco la pastorale giovanile delle Marche in unione con le altre pastorali giovanili d’Italia propone un percorso a piedi.
La nostra Diocesi, gemellata con le diocesi di Camerino, Macerata, San Benedetto ed Ascoli Piceno, propone di ripercorrere la via Lauretana, di seguito in breve il percorso che faremo dal 4 al 10 Agosto 2018.

PROGRAMMA

Sabato 4 agosto
Camerino Centro sportivo universitario, ore 18 arrivi ed accoglienza
Domenica 5 agosto
Camerino – Belforte del Chienti
Lunedì 6 agosto
Belforte del Chienti – Tolentino
Martedì 7 agosto
Tolentino – Pollenza Scalo
Mercoledì 8 agosto
Pollenza Scalo – Macerata
Giovedì 9 agosto
Macerata – Recanati
Venerdì 10 agosto
Recanati – Loreto

Il 10 Agosto convergeranno a Montorso presso il Centro Giovanni Paolo II tutti gli altri giovani delle Marche. Insieme vivremo nel pomeriggio un momento di festa e preghiera.
Il giorno 11 Agosto partiremo tutti insieme per andare a Roma.

PROGRAMMA DI ROMA

Sabato 11 agosto
ore 13 apertura dei cancelli al Circo Massimo
ore 16:30 inizio delle testimonianze
ore 18:30 arrivo del Santo Padre
ore 19:00 Veglia di preghiera per il Sinodo
ore 21 cena
ore 21:30 festa
ore 23:30 fine festa
ore 00:00 Notte bianca
Domenica 12 agosto
ore 6:00 ingresso San Pietro
ore 9:30 Messa e Angelus

About la redazione

Vedi anche

L’ombra che resisteva

Tra storia e leggenda. L’atterrato racconta una guerra La valle dell’Ete Vivo che va da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.