Home » Adolfo Leoni

Adolfo Leoni

Querce campanule anatre lepri

Monte Serrone sopra Pedaso, luogo d’incanto Ho scelto la collina sul mare. Ho scelto Monte Serrone, sopra Pedaso. Luogo d’incanto. Macchia mediterranea. Un incendio ne divorò una parte, anni fa. Salgo con l’auto, rasentando la Chiesolina. Mons. Gennaro Franceschetti l’aveva destinata ad ospitale dei diversamente abili. Fece strutturare l’edificio come meglio non si poteva. Non vide coronato il suo progetto. …

Continua a leggere »

RITRATTI: Benito Ricci, mago dei funghi

Scrivere di un amico è cosa semplice e difficile insieme. L’ultima volta che l’ho visto è stato in spiaggia, sembrava un gamberetto, rosso dal sole cui s’era esposto senza criterio. Qualche giorno di riposo dal suo ristorante omonimo di Magliano di Tenna. Oggi è già al lavoro. Re dei tartufi e dei funghi, lo chiamavano così quando gestiva un piccolo …

Continua a leggere »

La storia coperta dalle erbacce

Amandola: verso il monastero dei benedettini La costa è incandescente. Scelgo di nuovo la montagna. È da tempo che non salgo al monastero dei santi Vincenzo e Anastasio. Attraverso Amandola, scegliendo la strada del vecchio trenino, che evita il centro storico. È bianca, polverosa, piena di buche, ma suggestiva. Superato il camposanto, dopo un po’ si gira a destra. Ci …

Continua a leggere »

RITRATTI: Andrea Patanè

Faccia simpatica, quando canta – e lo fa spesso – gli vibrano collo e volto. Sacerdote dal 28 giugno del 2015, è diventato parroco di Santa Lucia di Fermo a settembre 2016, con i tanti problemi del terremoto: Santa Lucia lesionata, San Zenone lesionato, Sant’Agostino inagibile. Una bella sfida. Affrontata con decisione. Ho di fronte a me fra Andrea Patanè, …

Continua a leggere »

… c’è la Fonte della Carità…

Monte Vidon Combatte: Collina Vecchia e Collina Nuova Collina Vecchia. Un borgo medievale in basso, che contraddice il nome. Un borgo fantasma. Nessuno più in giro. Nessun’anima vivente. Mille e mille anime invece passate nei secoli. Cammino un luogo deserto. Calpesto viottoli e strade di fondovalle un tempo molto transitate. Occorre avere altri occhi per cogliere volti scomparsi. Scriveva Hildegarda …

Continua a leggere »

RITRATTI: Jennifer Bastianelli

Giovane, intelligente, preparata. È Jennifer Bastianelli. Il nome americano (suo fratello si chiama Brian) piaceva a suo padre Mauro, e sua madre Arianna ha acconsentito. Jennifer ha studiato per diventare nutrizionista. Prima la laurea triennale in Biologia della Nutrizione presso la sede staccata dell’Università di Camerino a San Benedetto del Tronto, poi la magistrale proprio a Camerino in Biological and …

Continua a leggere »

Monache a prova di sisma

Marnacchia: il rifugio delle benedettine di Amandola La destinazione era un’altra. Capita però che qualcosa attragga di più e si cambi meta. L’Abbazia dei santi Vitale e Ruffino resta sempre di una suggestione unica. Lascio l’auto, faccio un giro, la chiesa è chiusa, e prendo a piedi per Marnacchia: un promontorio che si slancia su Amandola. Tre chilometri tra vegetazione …

Continua a leggere »

RITRATTI: Ilaria Isidori

A Casabianca di Fermo è già estate. Gente in costume e bicicletta. Cerco l’associazione Vidya (termine sanscrito che vuol dire «conoscenza di sé»), lungo il Viale. È una associazione sportiva che mira al ben-essere. Mi accolgono il profumo di lavanda e il sorriso franco e aperto di Ilaria Isidori. Di lei voglio parlare. La sua storia è interessante: donna curiosa …

Continua a leggere »

Sedotti dall’odore salmastro

«Cedi la strada agli alberi» scrive Franco Arminio nel suo recente e bel libro di «Poesie d’amore e di terra». Come natura da riconquistare e contenere in un angolo di cuore. Di terra alberi monti e colline ho scritto tanto. Volgo uno sguardo al mare, stavolta, al nostro mare, a quello compreso tra due montagne, come sentenziava Fernand Braudel, unendo …

Continua a leggere »