Home » Adolfo Leoni

Adolfo Leoni

Cerreto di Montegiorgio

Più ci vado e più mi stupisco! Forse perché cambiano gli occhi con cui guardare quel borgo. Forse, perché mutano le condizioni. Ma è di nuovo accaduto. Sabato 24 e domenica 25 marzo. Giornate di Primavera, ricordano televisioni e quotidiani. Si aprono i nobili palazzi, gli edifici storici come quello che ospita il Liceo classico di Fermo, le chiese piene …

Continua a leggere »

RITRATTI: Marino Screpanti

Marino Screpanti, anni 60, sindaco di Montelparo, eletto con la lista Uniti per un Progetto Comune. Ore passate in Municipio? Tolte le otto ore che svolgo nella fabbrica dove lavoro, molto del resto lo passo in municipio o in incontri amministrativi. In questo periodo è durissima. Il terremoto ha creato enormi difficoltà. Quanti danni da terremoto? A prima vista non …

Continua a leggere »

Un restauro esemplare

La cartina che riporta gli antichi sentieri ne segnala uno intricato, da ripercorrere al più presto. Un cammino che partiva da Sarnano e arrivava al Santuario della Madonna dell’Ambro attraversando una strada romana per salire a Garulla, lambire il monastero benedettino dei santi Vincenzo e Anastasio, raggiungere Casalicchio e poi Capovalle e Valle. Quello che non sapevo è che sopra …

Continua a leggere »

RITRATTI: Elena Ciarrocchi

Elena Ciarrocchi, 35 anni, sangiorgese purosangue, esile, treccia squaw. Professione: ricamatrice. Professione sul serio? Proprio così: ricamatrice. Ma non di tende o federe o lenzuola. Ricamatrice di paramenti sacri soprattutto. Con fili d’oro, con materiali preziosi, con attenzione certosina. Con mano agile. M’incontro con Elena nel suo laboratorio, nei pressi della chiesa della Damigiana, ovvero Sacra Famiglia. Si schermisce: «È …

Continua a leggere »

Sotto la neve calore umano

Fermo: il ghiaccio ha costretto a vivere la città a piedi Giorni di neve e di gran freddo. Cammino tra i vicoli di una Fermo fantastica. Ghiacciata la grande fontana del Girfalco. Bene l’ha immortalata il fotografo-peripatetico Franco Marinucci. Non è il solo scatto che stupisce. C’è quello di via San Tommaso, c’è quello di Villa Vitali, ci sono quelli …

Continua a leggere »

RITRATTI: Massimiliano Splendiani

Massimiliano Splendiani, anni 42, sindaco di Moresco, eletto con la lista La Terza Torre. Se Le dico: vita da sindaco, cosa mi risponde? Che è una vita dura, difficile, specie in questo momento. Probabilmente, ogni amministratore avrà avuto difficoltà… La sua qual è? Non è ben chiaro quello che dobbiamo fare. Poi, il Patto di stabilità è stato allargato anche …

Continua a leggere »

Rendere capaci di affetto

Fermo: Centro Educativo per Minori Opera “don Ricci” C’è suor Annunziata, che viene da Leon in Spagna, e ci sono Maria Letizia Lemme, Lucia Albanesi e Marta Luciani, che sono educatrici professionali, e Tania Vulcani, che è assistente educatrice, e Maria Pia Germontani, che è l’economa. Siamo intorno ad un tavolo di segreteria, ambiente bianco, odore di pulito e ordine. …

Continua a leggere »

Immagini, personaggi, storie

Terra di Marca al BIT di Milano racconta un territorio Lunedì scorso, alla BIT di Milano, invitato dal sindaco di Fermo Paolo Calcinaro, ho parlato di Immagini, Personaggi, Storie e Leggende della Terra di Marca. Ho chiesto cosa avrebbe fatto un rinato giovin signore dell’aristocrazia europea nel 1700, arrivando a Fermo sulle tracce del Genius Loci? Avrebbe raggiunto il Colle …

Continua a leggere »

RITRATTI: Laura Marziali

Giovane, elegante, vulcanica. Vulcanica soprattutto. Laura Marziali sprizza energia e voglia di fare. Un articolo non basterebbe. Sintetizzo molto. Ci incontriamo a Montegiorgio, nella sala della Biblioteca Mons. Germano Liberati. Laura mi ha incuriosito. Ho letto di Vicolo Cechov, della Scuola di Improvvisazione, dei molti ragazzi che la frequentano proprio a Montegiorgio. Lei ne è la responsabile e docente, legata …

Continua a leggere »

I nomi legano le generazioni

Moresco: il tricolore per ricordare i caduti della guerra Testa mozza, Andrefacchie… due contrade di Moresco. La prima un tantino inquietante; la seconda dal nome poco comprensibile. È giornata di sole. Scendo verso la Valdaso. Fermo l’auto accanto alla vecchia strada che porta ad Andrefacchie. Sicuramente la via era costeggiata di querce. Ne rimangono poche. Poche ma orgogliose. Più avanti …

Continua a leggere »