Home » Giovanni Zamponi (pagina 2)

Giovanni Zamponi

Il filo rosso della chemio

Vita da malati, risposte del medico, preghiera della Chiesa La questione cruciale è: il malato informato è più o meno malato? La provocazione non sembri inopportuna e fuori luogo: la malattia si lega all’ansia e l’ansia si lega alla malattia, si intrecciano e si influenzano a vicenda. Quando ero studente, e mi interessavo un po’ di storia della medicina, non …

Continua a leggere »

Se la terra trema, noi… (seconda parte)

Una visione profetica che annuncia il movimento della terra e il significato per annunciare la misericordia non solo dentro un tempio fatto di mattoni Ante Diem XII Kal. Dec. AD MMXVI Die Dominica (Domenica 20 novembre 2016). Smerilli, hora nona, Sybillinos Montes respiciens. Smerillo, circa le ore quindici, balcone prospiciente i Sibillini: mentre meditavo, assorto nella più completa solitudine, sono …

Continua a leggere »

Lo Spirito di Dio soffia più forte di ogni immobilismo dottrinale

Contestano a Papa Francesco la sua apertura ai peccatori (non al peccato), la sua tenace apertura al dialogo Giulio Andreotti era solito affermare che per lui, e per gli altri romani, il cardinale che avesse avuto la missione di indossare quella veste bianca, nascondendo in essa la propria specifica persona e quasi perdendosi nel ruolo luminoso di guida spirituale e …

Continua a leggere »

Se la terra trema, noi… (prima parte)

Sconvolgimenti geologici e angosce umane.  Domenica 20 novembre 2016: passeggiando e meditando per le vie di Smerillo a mezzodì. Sono trascorse tre settimane dalla grande scossa che ha travolto i Sibillini. Chi dice di 7.1, chi di 6.5 gradi della scala Richter. Un esperto mi ha fatto notare che la valutazione più benevola potrebbe essere scaturita dal fatto che si …

Continua a leggere »

La tri-noetica visione del mondo

Viaggio della mente umana: dalla sintassi all’estasi passando per l’estetica Sýntaxis, aísthesis, ékstasis 1. Sýn-taxis: il noûs e il profilo sintattico (superficie) del mondo Il mondo e la vita, lo spazio e il tempo, sono scritti con i caratteri di una lingua la cui parola supera i confini della vita e del mondo, del tempo e dello spazio. Questa parola …

Continua a leggere »

Delitti (umani) e castighi (divini)

Non disgrazie ma grazie per un cammino dalla fragilità alla perfezione Riguardo a Dio l’uomo si costruisce immagini (idoli) che ripetono e assecondando le proprie fattezze e debolezze (e sciocchezze), e quando quelle immagini non soddisfano più, se la prende non con sé stesso, come dovrebbe, ma addirittura con Lui: reazione tipica di un infantilismo senza confini. Il caso del …

Continua a leggere »

Nota in morte di Padre Amorth

Quando si parla di “realtà”, e cioè si usa una categoria già incerta per il nostro stesso mondo, e la si applica poi a mondi ed entità che si discostano incommensurabilmente dal modo di essere e di “funzionare” della nostra concreta “esistenza”, occorre sempre fare attenzione alla potenza e ai limiti del linguaggio. Tanto è vero che questi mondi vengono …

Continua a leggere »

Si fa cenere oggi a me il cammino (e una sola speranza rimane)

Di giorni antico, come consolarlo quel durare di giorni che hai spezzato? Tu fai lo spazio e il tempo, ma chi amarlo può un dio che contro amore ha dilaniato? Perché, perché contro impietose mura (e tutte tempio!) sei così impotente? Forse, Dio, non hai retto a una paura più infinita di te in carne innocente? Ma a che interrogarti, …

Continua a leggere »

A piedi nudi sul prato

Smerillo: “Le parole della montagna” su una moda del momento  “Scalzasi Egidio”, dice Dante (Par., XI, v 83), ma Egidio non si scalza. Al Festival di Smerillo (18-24 luglio), si celebra l’esperienza del camminare a piedi nudi, la riscoperta di un modo di vivere la vita al quale i nostri antenati erano abituati e noi non più. Conosco, nell’occasione, un …

Continua a leggere »