Home » Raimondo Giustozzi

Raimondo Giustozzi

Servire gli ideali di don Bosco

Vasto: convention dei cooperatori di Marche/Umbria/Abruzzo Domenica 12 novembre 2017 si è tenuta, presso l’istituto salesiano di Vasto, l’annuale giornata del salesiano cooperatore. Cento trenta i Salesiani Cooperatori provenienti dalle diverse case salesiane di Marche (Ancona, Porto Recanati, Macerata, Civitanova Marche), Umbria (Terni, Perugia), Abruzzo (Sulmona, L’Aquila, Ortona, Vasto). Dopo gli arrivi previsti per le 9,00, tutto ha avuto inizio …

Continua a leggere »

La casa di mio nonno

La famiglia Monteverde ha lavorato la terra a mezzadria fin dal mille duecento. Lo attestava il diploma appeso come quadro nella grande cucina della casa colonica dei nonni materni. Fu consegnato nel mille novecento trentuno a nonno Pacifico e a suo fratello Albino da Arnaldo Mussolini, fratello del duce, deceduto improvvisamente nello stesso anno. Il cognome Monteverde, senza ombra di …

Continua a leggere »

Nasce a Civitanova la santità del giovane Passionista

“La mamma Agnese Frisciotti, figlia dei nobili Alessandro Frisciotti e Maria Acquacotta, nacque in città la notte tra il sette e l’otto aprile 1891 e venne battezzata nella collegiata di San Paolo Apostolo nella città alta. Il papà avvocato, Sante Possenti di Terni, venne nominato prefetto e Governatore della città, carica che ricoprì dal primo al nove agosto 1824. Il …

Continua a leggere »

Baby insegnanti

È il titolo del libro presentato nella sala della biblioteca civica “S. Zavatti” di Civitanova Marche, sabato 30 settembre 2017, scritto da Flavia Trabalzini, presente alla serata assieme ad Agostino Basile e Agata Turchetti, davanti ad una trentina di persone. Alcuni bambini hanno letto diverse pagine del testo. Barbara Capponi, assessore all’istruzione, e Maika Gabellieri alla cultura, hanno portato i …

Continua a leggere »

Incontri con il mio Arcivescovo

Era il mese di luglio del 2009. A Civitanova Alta impazzava la prima e unica edizione di “Tutto in gioco”, biennale di cultura, politica e società. Mi trovavo in piazza della libertà assieme ad un collega. Era un caldo insopportabile, nonostante fosse il pomeriggio inoltrato. Sandali ai piedi, calzoncini corti, camicetta, questo era il mio abbigliamento. Mi viene incontro l’arcivescovo …

Continua a leggere »

La carità del Vangelo

NOTA PASTORALE NUMERO 4 “Dio invisibile nel suo grande amore parla agli uomini, per invitarli ed ammetterli alla comunione con sé. L’ascolto e l’amore della Parola del Signore sono in consonanza con la vita concreta delle persone del nostro tempo. La parola di Dio determina una chiamata, crea comunione, manda in missione, perché ciò che si è ricevuto per sé …

Continua a leggere »

Informare è formare

“Informazione e comunicazione sono due necessità assolute per la vita della Chiesa e per la condivisione del patrimonio culturale, sociale e spirituale che le è proprio” (Cfr. Nota Pastorale n° 4, La Carità del Vangelo, pag. 65, Scheda n° 12, Arcidiocesi di Fermo, ottobre 2008). Informazione è un termine che proviene dal latino informatio. Significa idea, rappresentazione, ma anche istruzione, …

Continua a leggere »

Fertilizzanti eco-inconsapevoli efficaci e rispettosi della terra

Dopo lo vatte e prima dell’aratura del terreno per la semina, un’altra occupazione che impegnava non poco il contadino, era la concimazione dei campi. Non si conoscevano ancora i fertilizzanti chimici. Le mucche nelle stalle, i maiali nei porcili, gli animali da cortile, producevano in abbondanza letame che, ammucchiato nella concimaia, nel corso dell’anno, veniva prelevato in questa occasione. Era …

Continua a leggere »

Scrivere per pensare e capire

Il mio primo articolo l’ho pubblicato il sedici aprile del 1988 sul periodico Il Cittadino di Monza e Brianza, quando abitavo a Giussano, direttore l’ing. Galbiati prima e Luigi Losa poi. L’amico Giovanni Trovato, che pubblicava sulla pagina di Verano Brianza, mi aveva chiesto di dare notizia di un convegno su don Milani, che si era tenuto proprio a Giussano …

Continua a leggere »

“L’obbedienza non è più una virtù”

Don Milani, in data 27 luglio 1965, comunicava ai ragazzi di Barbiana all’estero, che la sua lettera ai cappellani militari era stata incriminata e che lui stesso era stato convocato presso il tribunale di Roma per il processo che si sarebbe dovuto tenere il 30 ottobre 1965. I capi d’imputazione riconosciuti a suo carico erano: incitamento alla diserzione e alla …

Continua a leggere »