Home » arte&cultura » Il Fermano da salvare

Il Fermano da salvare

Alla scoperta delle “Radici”

Radice. Sarà il tema della prossima edizione de Le Parole della Montagna. Me l’ha rivelato Simonetta Paradisi, cuore e direzione del Festival di Smerillo. Spero non le spiaccia che già lo divulghi, perché l’ha confidato nel corso di una semplice cerimonia che mi riguardava. La montagna ancora una volta offre la rotta. Si riscopre creativa. Convoglia sguardi e menti a …

Continua a leggere »

Querce campanule anatre lepri

Monte Serrone sopra Pedaso, luogo d’incanto Ho scelto la collina sul mare. Ho scelto Monte Serrone, sopra Pedaso. Luogo d’incanto. Macchia mediterranea. Un incendio ne divorò una parte, anni fa. Salgo con l’auto, rasentando la Chiesolina. Mons. Gennaro Franceschetti l’aveva destinata ad ospitale dei diversamente abili. Fece strutturare l’edificio come meglio non si poteva. Non vide coronato il suo progetto. …

Continua a leggere »

La storia coperta dalle erbacce

Amandola: verso il monastero dei benedettini La costa è incandescente. Scelgo di nuovo la montagna. È da tempo che non salgo al monastero dei santi Vincenzo e Anastasio. Attraverso Amandola, scegliendo la strada del vecchio trenino, che evita il centro storico. È bianca, polverosa, piena di buche, ma suggestiva. Superato il camposanto, dopo un po’ si gira a destra. Ci …

Continua a leggere »

… c’è la Fonte della Carità…

Monte Vidon Combatte: Collina Vecchia e Collina Nuova Collina Vecchia. Un borgo medievale in basso, che contraddice il nome. Un borgo fantasma. Nessuno più in giro. Nessun’anima vivente. Mille e mille anime invece passate nei secoli. Cammino un luogo deserto. Calpesto viottoli e strade di fondovalle un tempo molto transitate. Occorre avere altri occhi per cogliere volti scomparsi. Scriveva Hildegarda …

Continua a leggere »

Monache a prova di sisma

Marnacchia: il rifugio delle benedettine di Amandola La destinazione era un’altra. Capita però che qualcosa attragga di più e si cambi meta. L’Abbazia dei santi Vitale e Ruffino resta sempre di una suggestione unica. Lascio l’auto, faccio un giro, la chiesa è chiusa, e prendo a piedi per Marnacchia: un promontorio che si slancia su Amandola. Tre chilometri tra vegetazione …

Continua a leggere »

Sedotti dall’odore salmastro

«Cedi la strada agli alberi» scrive Franco Arminio nel suo recente e bel libro di «Poesie d’amore e di terra». Come natura da riconquistare e contenere in un angolo di cuore. Di terra alberi monti e colline ho scritto tanto. Volgo uno sguardo al mare, stavolta, al nostro mare, a quello compreso tra due montagne, come sentenziava Fernand Braudel, unendo …

Continua a leggere »

Il borgo: l’eco di civiltà perdute

Da Monte Pregnano (Lapedona) risalendo per Altidona Giornate incerte, con pioggia che ha reso verdissimi i nostri campi, e sole che, sbucando dalle nubi, già parla di estate prossima pur nel mezzo di una fredda primavera. Porto con me Laudato si’ di papa Francesco. Conforta la visione positiva dei Borghi molto prima che se ne intitolasse l’anno 2017. I borghi …

Continua a leggere »

Turismo di relazione

Monte Vidon Corrado, Falerone, Belmonte Piceno, Servigliano Fa effetto sentire 35 senesi affacciati al balcone di Monte Vidon Corrado esprimersi stupiti: «Mamma mia, che bello!». È Lunedì di Pasquetta. Il tempo va migliorando nel corso della mattinata. Il gruppo è arrivato a Porto San Giorgio per le feste pasquali. Il titolare dell’albergo ha proposto anche un tour nell’entroterra. Esemplare! Quel …

Continua a leggere »

Spari a Fontemaggio

1947: un femminicidio nelle campagne di Monte Leone Più cammino la Terra di Marca più mi rendo conto di conoscerla poco. Ci rifletto mentre imbocco il bivio che da Servigliano porta a Belmonte Piceno. Sul crinale, c’è l’indicazione per Monte Leone. Due cucuzzoli più in là, si nota la chiesa campestre di Santa Lucia. Mi attrae. Ci arrivo. È piccola. …

Continua a leggere »

Luoghi di sola energia

Montegiorgio, Monte Vidon Corrado, Montappone, Smerillo Luoghi di energia! Dove la terra sembra emanare una forza altrimenti introvabile. Qualcosa che sfugge alle misurazioni. Ma che entra nella psiche e nell’anima delle persone. Che si percepisce più con il corpo che con la mente. Siamo sicuri che Osvaldo Licini: il grande pittore novecentesco, andasse a sedersi dinanzi alla chiesuola di San …

Continua a leggere »