Home » arte&cultura » L’angolo della parola

L’angolo della parola

De l’infinito, universo e mondi

“Et inhorresco et inardesco: inhorresco, in quantum dissimilis Ei sum, inardesco, in quantum similis Ei sum” Agostino di Tagaste Il sacro è una categoria che da sempre ha affascinato e suscitato metus reverentialis nell’uomo. Sacro, etimologicamente, significa separato: il sacro è una sorta di recinto in cui sin dall’antichità veniva “relegata” la Divinità, che era Altro dall’essere umano. Tra i …

Continua a leggere »

The digital death

“Siamo condannati a essere solo vitali”, leggiamo nella raccolta di brevi testi intitolata “Sulla medicina”del filosofo Georges Canguilhem. È sotto gli occhi di tutti il dato di come la cultura digitale stia trasformando il concetto sociale, culturale e giuridico di id-entità psicofisica. Da una parte, vengono descritte le conseguenze della morte degli utenti di Facebook (Digital Death), oggi il più …

Continua a leggere »

LA SFEROLATRIA

Un culto idolatrico con milioni di adepti in tutto il mondo “C’è una differenza di linguaggio. Moggi è più grezzo di un Moratti, ma dal punto di vista etico non vedo grande differenza” (così in una intervista del 2006 il compianto Oliviero Beha) Tempo fa ebbi a definire il fenomeno “sferolatria”, ovvero adorazione della palla-idolo, diffondendomi su quello che è …

Continua a leggere »

Blue Whale: vinci se muori

Suicidio per gioco: un gioco al massacro che conta già diverse vittime, inventato da una mente diabolica e proliferato in maniera fungina sul web. Un gioco più “scientifico” di una cartella dell’Equitalia. Si chiama blue whale, probabilmente in riferimento all’istinto che porta le balene alla deriva per lasciarsi morire. Lo squilibrato ha preso di mira giovani vite, fiori in boccio, …

Continua a leggere »

Nel buio una stella di grazia

Per il mese mariano: ode a Maria “Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici” (GV 15, 9-17) Inaudito quel tuo grido sotto un cielo di pietra. Pure dicevi “Padre, io faccio nuove tutte le cose…”. Il sangue della terra s’impasta dentro la bocca riarsa, disseccate le vene, le sorgenti zampillano acqua …

Continua a leggere »

Omicidio in diretta

Riflessione su un ennesimo truculento fatto di cronaca “…la maggior parte di noi si inventa i propri strumenti di autoaffermazione, sperando in uno scatenamento aurorale di avatar” (citazione da un blog) Così l’informazione on line del 18 aprile scorso, h. 12,00: «Secondo le prime informazioni riferite dalle autorità, Steve Stephens avrebbe problemi psicologici seri, come mostrerebbe anche l’omicidio che per …

Continua a leggere »

Ti darei gli occhi miei per vedere ciò che non vedi

“Chi infatti non abbia dentro di sé risorse per vivere bene e felice subisce il peso di tutte le età; chi invece trae da se stesso ogni bene non può considerare un male quel che necessità di natura impone. La vecchiaia fa parte di queste cose più delle altre” (Cicerone) “…senti quella pelle ruvida…quel gran freddo dentro l’anima…”. Portami al …

Continua a leggere »

Tra Tyche e Ananke

Riflessioni sulla scomparsa di Giacomo Nicolai “Demone alato trasognato fanciullo in traccia di chimere, al mio deserto limbo sei tornato per risarcirmi morte primavere” (S. Raffo) Chi traccia il discrimen tra vita e morte…? Dio, Tyche, l’uomo arbiter fortunae suae? Domande insondabili, come insondabili sono le ragioni che riposano al fondo dell’agire, o dell’essere agiti. È tutto scritto ab aeterno, …

Continua a leggere »

Brucia il clochard per gelosia

“Nello specchio mi inchioda il ritratto di Dorian Gray” Brucia il clochard, tanto che ci sta a fare in questo mondo?… Gli ultimi devono restare ultimi, quindi prima se ne vanno, meglio è: il fine giustifica i mezzi. Certi individui  ammorbano l’aria di questo mondo che puzza di suo, ancor più di chi non può permettersi il lusso di un …

Continua a leggere »

Al capezzale del padre

Ti affacci per l’ultima volta alla casa d’infanzia e ti accorgi che c’è un segmento (una linea retta?…) che congiunge questo punto indistinto della vita con il suo esito. Un’ipotenusa la cui altezza sono le vette raggiunte faticosamente, e la base la proiezione ortogonale di questo esistere. La natura arcana mostra il suo volto ora arcigno ora benevolo,  un tiepido …

Continua a leggere »