Home » arte&cultura » Ritratti di gente comune

Ritratti di gente comune

RITRATTI: Marino Screpanti

Marino Screpanti, anni 60, sindaco di Montelparo, eletto con la lista Uniti per un Progetto Comune. Ore passate in Municipio? Tolte le otto ore che svolgo nella fabbrica dove lavoro, molto del resto lo passo in municipio o in incontri amministrativi. In questo periodo è durissima. Il terremoto ha creato enormi difficoltà. Quanti danni da terremoto? A prima vista non …

Continua a leggere »

RITRATTI: Elena Ciarrocchi

Elena Ciarrocchi, 35 anni, sangiorgese purosangue, esile, treccia squaw. Professione: ricamatrice. Professione sul serio? Proprio così: ricamatrice. Ma non di tende o federe o lenzuola. Ricamatrice di paramenti sacri soprattutto. Con fili d’oro, con materiali preziosi, con attenzione certosina. Con mano agile. M’incontro con Elena nel suo laboratorio, nei pressi della chiesa della Damigiana, ovvero Sacra Famiglia. Si schermisce: «È …

Continua a leggere »

RITRATTI: Massimiliano Splendiani

Massimiliano Splendiani, anni 42, sindaco di Moresco, eletto con la lista La Terza Torre. Se Le dico: vita da sindaco, cosa mi risponde? Che è una vita dura, difficile, specie in questo momento. Probabilmente, ogni amministratore avrà avuto difficoltà… La sua qual è? Non è ben chiaro quello che dobbiamo fare. Poi, il Patto di stabilità è stato allargato anche …

Continua a leggere »

RITRATTI: Laura Marziali

Giovane, elegante, vulcanica. Vulcanica soprattutto. Laura Marziali sprizza energia e voglia di fare. Un articolo non basterebbe. Sintetizzo molto. Ci incontriamo a Montegiorgio, nella sala della Biblioteca Mons. Germano Liberati. Laura mi ha incuriosito. Ho letto di Vicolo Cechov, della Scuola di Improvvisazione, dei molti ragazzi che la frequentano proprio a Montegiorgio. Lei ne è la responsabile e docente, legata …

Continua a leggere »

RITRATTI: Giovanni Miconi

Tutto parte da Cecco d’Ascoli. Sono i giorni precedenti il sisma. Estate 2016. Alla Gola dell’Infernaccio, con alcuni amici avevo inscenato un cammino sulle tracce di Francesco Stabili e del Guerin Meschino. Tornando, bisognoso di olio, alla Parapina di Servigliano mi fermo presso il Molino Miconi. C’è lui. Giovanni Miconi è in ufficio. Alle spalle un manifesto. Promuove un incontro …

Continua a leggere »

RITRATTI: Antonio Vallesi

Antonio Vallesi, sindaco di Smerillo, il comune più piccolo del Fermano. Lo raggiungo che l’influenza lo ha aggredito. Ma non si sottrae. Il primo impatto al mattino, appena aperti gli occhi? Penso a tutte le cose da fare in Comune, quante ne posso fare in quel giorno, lo stato dell’arte dei lavori in corso. Cosa l’ha preoccupata questa mattina? Beh, …

Continua a leggere »

RITRATTI: Annarosa Agostini

Se ci fosse un genere femminile dei folletti lo identificherei con lei, Annarosa Agostini. Piccola, scura di capelli, occhi mobilissimi, vivace, simpatica, briosa, coinvolgente. Non le mancano le parole, non le manca una bella esposizione. La incontro nei locali della parrocchia di Santa Lucia a Fermo. Annarosa ne dirige l’eccellente e omonima Corale (30 cantori), che è anche la Cappella …

Continua a leggere »

RITRATTI: Alberto Andrenacci

Sempre in movimento. Chilometri al giorno per la Cattedrale di Fermo. Lui ne ha la responsabilità. «Amala come se fosse tua», gli disse l’arcivescovo mons. Gennaro Franceschetti. Lo ha fatto. Lo fa. Alberto Andrenacci è il sacrista del Duomo. Lo vado a trovare in un mattino di pioggia. Sta stendendo qualche euro ad un mendicante. «Capita spesso» mi dice. Se …

Continua a leggere »

RITRATTI: Gelsomina e Paolo

Montegiberto. A due passi dal santuario della Madonna delle Grazie, Paolo Corradi, con una grande scopa di radica, sta togliendo le foglie nel piccolo piazzale davanti al Coal della sua famiglia. Con Paolo, salutandoci, facciamo lo stesso ragionamento: un tempo, quando nevicava sul serio, ognuno apriva la piccola «rotta» che dalla casa conduceva alla via principale. E Paolo la faceva …

Continua a leggere »

RITRATTI: Daniele Lele Medori

In arte è «Lele». Così lo conoscono i più. All’anagrafe invece è Daniele Medori. Un uomo che a 60 anni ha ricominciato una nuova attività. È ripartito da una passione giovanile. È tornato a scuola. Ha supera gli esami. Si è riconvertito. Ed è un esempio. Da raccontare ai giovani. Lo incontro nella sua casa di Lapedona, che c’entra molto …

Continua a leggere »