Home » prima pagina

prima pagina

Ero malato e siete venuti a visitarmi

“Ero malato e mi avete visitato”. Non è semplice buon senso o buona educazione; prima di tutto è Vangelo, buona notizia per chi, sulla sua pelle già provata e trasformata dalla sofferenza, trova, se non la guarigione del corpo, quella prossimità che dona l’energia per superare i limiti del dolore giungendo almeno alla guarigione del cuore, a quell’equilibrio perduto che …

Continua a leggere »

Visitare i morti per dare speranza ai vivi. Il senso cristiano della veglia funebre

S e un tempo nel Rosario serale ogni famiglia rivolgeva a Dio almeno una preghiera per “una santa morte”, oggi quando i discorsi finiscono a parlare di malattia e morte, subito qualcuno dice: “… cambiamo discorso, per favore!”. Per non dire, poi, del rifiuto dei genitori a mostrare le persone morte ai propri bambini: “… è meglio di no!”. Se …

Continua a leggere »

La Chiesa va in fabbrica

Il 6 gennaio 1955 il nuovo arcivescovo Giovanni Battista Montini fece ingresso nella diocesi lombarda e come primo gesto baciava la terra milanese, gesto che ripeterà nei suoi viaggi apostolici. Nel giorno d’inizio, egli offrì il pranzo a 1600 poveri della città. E nel primo incontro nel duomo metropolitano affermava la sua identità: “Apostolo e vescovo io sono: pastore, padre, …

Continua a leggere »

Incontri creativi

Quando le affinità elettive diventano progetto culturale Alex e Andrea sono cittadini fermani che hanno frequentato le stesse scuole e il liceo classico, seppure in sezioni diverse. Giunti a 18 anni, ciascuno ha preso la sua strada: Alex per l’impiego a Fermo; Andrea all’università per insegnare poi a Montegiorgio. Dopo più di quarant’anni, nel 2010, ormai pensionati, si sono soffermati …

Continua a leggere »

La visitina a Gesù

Sono cresciuta in un piccolo paese chiamato Capparuccia, in una comunità poco affollata dove tutti conoscono tutti. Specialmente i personaggi di spicco. Magari non tutti conoscevano bene me. Era – anzi è – molto frequente che io venissi chiamata col nome di mia sorella o scambiata per qualcun’altra, ma certamente tutti conoscevano bene Don Nicola Morici: il parroco. Per anni …

Continua a leggere »

Ci si incontra anche per lettera

L’amicizia come nostalgia del tempo che scorre in modo inesorabile “Pronto, sono Raphael. Ti telefono da Marsiglia”. Rispondo imbarazzato: “Conosco un ragazzo che si chiama Raffaele. Dal momento che mi telefoni dalla Francia, forse hai solo trasformato il tuo nome italiano in quello francese”. Sì, era proprio la stessa persona. Mi aveva messo in contatto con lui un amico comune, …

Continua a leggere »

Le Opere di Misericordia corporali e spirituali

Papa Francesco esorta a non chiudersi, ma a inventare strade nuove e abitare le nuove marginalità Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Nelle catechesi precedenti ci siamo addentrati poco alla volta nel grande mistero della misericordia di Dio. Abbiamo meditato sull’agire del Padre nell’Antico Testamento e poi, attraverso i racconti evangelici, abbiamo visto come Gesù, nelle sue parole e nei suoi …

Continua a leggere »

Lancio del sacchetto

Pochi indisciplinati e furbetti sulla strade del Fermano. E’ quanto emerge dal report de Il Sole 24 ore in base alle analisi del ministero dell’economia, che nella classifica nazionale sugli introiti da accertamenti di violazioni al codice piazza il territorio in fondo all’elenco con 290 mila euro da multe e affini, con una media di 7,6 euro per abitante. Molto …

Continua a leggere »

Il lavoro richiede serietà e responsabilità

I quattro punti cardinali dell’incoscienza e dell’incompetenza Dobbiamo, anzitutto, osservare come il lavoro è il fondamento della nostra Repubblica e, nella visione della nostra Carta Costituzionale, rappresenta il mezzo attraverso il quale un soggetto realizza la propria dignità di persona; quindi un mezzo indispensabile per esprimere la propria responsabilità. Il mondo del lavoro è un universo articolato e complesso, fatto …

Continua a leggere »