Home » prima pagina » Maria: sigillo dell’eterno

Maria: sigillo dell’eterno

Stampa l articolo
Ma chi era Maria? una umile ragazza di Nazareth e basta?… una prescelta dal Signore per il “Fiat”, una predestinata (dunque fortunata?…) creatura chiamata a una missione che l’avrebbe elevata al rango delle gerarchie celesti? Non penso. Maria era sì una ragazza come tante altre, semplice casta garbata: ma quando l’Angelo le apparve ella si trovò davanti a un bivio spaventoso, similmente a chi cammina sull’orlo di un dirupo: l’anonima ragazza aveva – da subito, immagino – compreso in sé a quale “ruolo” era stata chiamata dall’Onnipotente. L’aut aut domandava una scelta non rinviabile, era un dilemma che disintegrava le dimensioni dello spazio e del tempo: Maria scelse umilmente il “sì”, ma quale e quanto travaglio spirituale le sarà costato? Leggiamo una poesia di Rainer Maria Rilke a riguardo:

Tu non sei piú vicina a Dio
di noi; siamo lontani
tutti. Ma tu hai stupende
benedette le mani.
Nascono chiare a te dal manto,
luminoso contorno:
Io sono la rugiada, il giorno,
ma tu, tu sei la pianta.

Sono stanco ora, la strada è lunga,
perdonami, ho scordato
quello che il Grande alto sul sole
e sul trono gemmato,
manda a te, meditante
(mi ha vinto la vertigine).
Vedi: io sono l’origine,
ma tu, tu sei la pianta.
(Le parole dell’Angelo)

Nota il filosofo Cacciari ché il punto focale attorno al quale si irradia, per centri concentrici, tutta la dissertazione è il concetto di ombra, quella che l’Altissimo ha steso su Maria durante l’annunciazione (Luca 1,35): qui si situa il punto di non ritorno, si realizza la svolta della Storia. Con l’inseminazione dello Spirito Santo nel grembo vergine di Maria di quello che diventerà il Messia, il Salvatore dal momento del sì, si spalancano voragini vertiginose: perché Maria sapeva – o poteva “intuire” quantomeno – quale sarebbe stata la sorte di Madre del Dio fatto uomo. Maria, una donna semplice; una ragazza pulita, vocata a un Qualcosa che la trascendeva, a un Qualcosa di Innominabile: essere Madre di Dio, figlia del suo Figlio, come canta Dante nella stupenda preghiera di San Bernardo. E che cosa comportava questo aderire – in piena libertà – alla volontà dell’Eterno, era forse cosa semplice? Lei affrontò da donna semplice, ma giorno dopo giorno, ora dopo ora, minuto dopo minuto, sapendo che le ore del borgo rintoccavano sempre più vicine, che di lì a poco tempo sarebbe stato orbata di tanto Amore. La giovane di Nazareth non fece mai trapelare i suoi sentimenti e il suo dolore, forse nemmeno al suo impagabile compagno: il capo chino e l’anima inespugnabile, faceva scivolare come grani di un rosario i suoi passi, guardando oltre l’Abisso. Figura centrale del Mistero che ha cambiato non solo il mondo, ma il nostro essere “uomini – oltre – la morte”, Maria si fa per i secoli dei secoli Sigillo dell’Eterno. •
Gf alias Jeff Qohelet

About la redazione

Vedi anche

Tracce di bellezza in un angolo nascosto di una città laboriosa

Porto Sant’Elpidio: passeggiata nel bosco di una villa Esiste una Porto Sant’Elpidio nascosta. E diversa. …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: