Home » Adolfo Leoni (pagina 10)

Adolfo Leoni

I 40 anni di Famiglia Nuova

Quarant’anni di vita. Quaranta di attività in un ambito che nel tempo è divenuto fragile, assediato, liquido come liquida è la cultura contemporanea, per dirla con Bauman. Famiglia Nuova compie quattro decenni. Nacque nel 1976 con la benedizione di un arcivescovo lungimirante: mons. Cleto Bellucci, che nello stesso periodo avviava Radio Fermo Uno e il liceo classico Paolo VI. Risposte …

Continua a leggere »

Senza mura di difesa

Moregnano: piccolo insediamento fortificato posto sulla collina C’è nebbia azzurrina in questo dopo pranzo con pioggia lieve. Lascio l’auto nei pressi del cimitero di Torchiaro e cammino per contrada Cerqueto. «Cerque» in dialetto, querce in italiano. E quante! Un tempo a rendere distinguibili, da altre, le nostre contrade. Immagino secoli indietro con querce, ghiande e maiali nei boschi, «dapprima quelli …

Continua a leggere »

RITRATTI: Gabriela Contenti

I Romani non sbagliavano: nomen omen, nel nome il destino. Nel nostro caso il destino è nel cognome: Contenti. Perché la signora Gabriela (con una elle sola) contenta lo è proprio. E contenti sono quelli che le stanno attorno o che lei incontra quotidianamente. Vedova e pensionata, non vive da pensionata. Anzi, la sua giornata non finisce mai, gli impegni …

Continua a leggere »

La vita non è solo arare, ma è fatta di montagne di sogni

Porto Sant’Elpidio: la storia di  Vito, da persona normale a malato di sla Questo è un racconto difficile. Il più difficile. È l’incontro con un dolore che non ha spento la voglia di vivere. Con una sofferenza, dura, quotidiana, che non ha soffocato amore e la libertà. È la storia di Vito con la sua famiglia: la moglie Daniela, i …

Continua a leggere »

RITRATTI: Benito Coltrinari

Il fiume Tenna scorre a poche decine di metri. La campagna è ancora verde. Poche le case. Benito Coltrinari lavora in una di queste. È qui dove, al primo piano dopo scale scandite quasi da un quadro (il suo) a gradino, ha allestito il laboratorio: macchina per cucire, libri d’arte, stoffe e abiti appesi. Abbigliamento per lo più rinascimentale. Benoit (il …

Continua a leggere »

Benvenuti a Torchiaro

Il paese de “lu curatu de lu trocchia’” ormai quasi abbandonato a se stesso Mattinata fredda giovedì 13 ottobre. La neve incappuccia da ieri i Sibillini. Non si suderà scendendo e salendo verso Torchiaro. All’altezza dell’azienda biologica Taurus lascio l’auto. Il cartello stradale indica 2km per l’ex comune oggi sotto Ponzano di Fermo. Ne sono più di tre. La discesa …

Continua a leggere »

RITRATTI: Cecilia Borrelli

Una monaca. Anzi: una Madre Badessa. A Fermo. L’incontro inizia nel monastero di San Giuliano in Viale Trento, confinante con la bella Villa Vitali. Ad aprirmi è una «sorella», sorridente. Accoglienza, prima di tutto. Tempo di guardare il giardino curato e la teca con le piccole icone che arriva Madre Cecilia Borrellli. Minuta, occhi azzurri mobilissimi che denotano una intelligenza …

Continua a leggere »

Un convito con varietà di sapori

«Dieta mediterranea»: è stato il tormentone del 2014 e 2015: da Porta a Porta all’Expo di Milano. Tutti a parlarne ma anche a sparlarne. Come fosse solo il bilancino del pranzo e della cena, il salutismo delle verdure, il jogging quotidiano e la tisana rilassante. Se ci mettiamo poi anche la meditazione profonda il gioco è fatto. Il pensiero unico …

Continua a leggere »

RITRATTI: Guglielmina Rogante

Ho conosciuto Guglielmina Rogante a Radio Fermo Uno. Alla rubrica del sabato “Mi ritorni in mente” arrivavano personaggi con racconti interessanti. Guglielmina incantò. Lei ha un sorriso dove mescola simpatia ed ironia, e una mente letteraria coniugante i grandi autori alle “piccole” cose: cibo, convivio, pranzo della festa… I suoi ricordi spaziano dagli scavi archeologici a Piane di Grottazzolina, ai …

Continua a leggere »

Cucina e buone maniere

Petritoli: a “La Scentella” cena con ricette storiche, teatro e musica Quante sorprese in Terra di Marca. Piacevoli. Gustose. Curiose. Disomologate. Andate di sera per la Valdaso, arrampicatevi sui colli, scendete per stradine tra alberi di fico, tigli, gelsi, ulivi e viti. E profumo di intensa lavanda. Che è la prima cosa che arriva anche se fuori tempo massimo. Qui …

Continua a leggere »