Home » prima pagina » Siamo chiamati ad un’attesa operosa

Siamo chiamati ad un’attesa operosa

Stampa l articolo

Il consigliere nazionale del Csi Daniele Tassi sul momento di crisi che lo sport sta vivendo.

I momenti di crisi, personale, sociale ed economica, da sempre sono parentesi importanti nelle quali si sviluppano percorsi di crescita, cambiamenti e generazioni di nuove opportunità. La crisi, termine che richiama un’accezione negativa, si contrappone a opportunità che ha una connotazione positiva. Dove c’è un momento di crisi, difficoltà o caduta, si attivano risorse ed opportunità per il loro superamento. Le opportunità in fondo, per chi le sa cogliere, sono gli anticorpi della vita che ci permettono di guardare al futuro in modo nuovo, differente e rinnovato.
La crisi attuale, dovuta alla pandemia da Covid 19, rappresenta la rottura degli schemi consolidati assunti come base di partenza per le scelte personali, sociali, economiche e politiche. Lo sanno bene gli atleti che sono chiamati ogni giorno a mettere in discussione i risultati raggiunti, puntando sempre a migliorarsi. L’attività motoria e sportiva sono da sempre elementi integrati nella cultura di ogni popolo e in ogni epoca. L’uomo, in quanto essere dinamico, ha utilizzato il gioco, il movimento e lo sport come elementi di senso, palestra di democrazia, confronto sociale, metafora della vita.
La vita e lo sport, come fenomeno globale e sociale, sono strettamente interconnessi. Nello sport si possono rintracciare virtù e vizi della società e della vita reale. Nella vita si possono rintracciare linguaggi, atteggiamenti e forme che rimandano allo sport e al gioco. Vincere o perdere, crisi e opportunità, competizione e allenamento, squadra e avversari, spogliatoio e campo, sacrificio e attesa, limite e virtù.
Proprio per questo, anche in un momento come quello attuale, dove tutto sembra perduto e l’orizzonte incerto, i valori e il senso profondo dello sport possono aiutarci a trovare una possibile strada di risalita.
Una delle cose che contraddistingue lo sport è il vivere in profondità l’attesa che separa l’atleta dalla gara. Un’attesa che è caratterizzata dall’impegno, dall’allenamento, dal sacrifico, dalla disciplina, dal rispetto delle regole e dei programmi, dall’attenzione al compagno di gioco e dal mettere al centro del percorso obiettivi concreti e possibili.
L’attesa dello sportivo è un’attesa operosa, carica di senso e speranza. Un’attesa che si confronta con i limiti umani, che scende in profondità e allo stesso tempo cerca di trascendere questi limiti.
Per chi fa sport, nulla è perduto, ma tutto può essere ottenuto, non ora, non subito. Ma con scarificio, attesa, impegno e allenamento si possono raggiungere i risultati attesi. Per questo, lo sport è quanto di più distante dalla cultura del commercio, del tutto e subito, dell’usa e getta, dello scarto.
In questo periodo di particolare difficoltà e attesa, dove le paure e le speranze sembrano affievolirsi occorre assumere l’atteggiamento dell’atleta che si allena permanendo in una attesa operosa. In San Paolo (Fil 3, 12-14) leggiamo “Non ho certo raggiunto la mèta, non sono arrivato alla perfezione; ma mi sforzo di correre per conquistarla…” e ancora “So soltanto questo: dimenticando ciò che mi sta alle spalle e proteso verso ciò che mi sta di fronte, corro verso la mèta, al premio che Dio ci chiama a ricevere”.
Vita, sport e fede in San Paolo si intrecciano e suggeriscono di assumere come risorsa l’atteggiamento dell’atleta. Per questo l’augurio che mi sento di fare a tutti è di provare, in questo periodo di incertezza, ad assumere la mentalità dell’attesa operosa che contraddistingue gli atleti. Lì potremo trovare risorse, strumenti, opportunità e atteggiamenti utili per vivere e programmare il nostro futuro. •

Daniele Tassi, Consigliere Nazionale Centro Sportivo Italiano

About la redazione

Vedi anche

Il buon giornalismo che non spettacolarizza le notizie sulla Pandemia

Quale auspicio può esprimere un giornalista sotto l’albero di Natale? Mai come stavolta il desiderio …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: