Home » la redazione

la redazione

Nel deserto una strada aprirò

RUBRICA: Teologia viva… per discernere i segni dei tempi a cura dell’Istituto Teologico Marchigiano Un’immagine biblica che definisce il tempo quaresimale è certamente quella del deserto. Abbiamo chiesto a don Marco Di Giorgio, docente di Sacra Scrittura presso l’Istituto Teologio Marchigiano, una riflessione sul deserto, che in modo particolare stiamo sperimentando in questo tempo di pandemia. Il deserto appare in …

Continua a leggere »

Colmo di luce

Mc 9, 2-10 “È bello per noi stare qui”. Sostare sul monte è respirare bellezza e sicurezza, accanto al Signore, felici e “beati” in quest’angolo di Paradiso: chi non lo avrebbe desiderato? Ed invece siamo sollecitati a scendere a valle, nella vita di tutti i giorni alla quale sfuggiamo, tentati sempre di stare sopra i problemi. Il Signore invece c’invita …

Continua a leggere »

Rinascere dall’alto: un invito alla gioia!

Gv 3,14-21 Nell’ora della prova, nel lungo ed arido deserto, nell’ora della croce in cui tutto ci parla di morte e sconfitta, in quel momento occorre più che mai desiderare la Luce. Siamo invitati a guardare in alto. Cosa c’è da guardare davanti allo spettacolo osceno e violento di un uomo in croce? Eppure, è proprio quella la giusta direzione! …

Continua a leggere »

“Bombay Rose”. Bollywood diventa animato

“Il fiume Rewa dimora nei miei occhi” ripete la canzone principale di “Bombay Rose”. Un fiume che sfocerà nel mare, laddove i sogni non hanno barriere. Quando si pensa all’animazione, il primo nome che viene in mente è Disney. Eppure, questo particolare linguaggio non ha preso vita solo nella casa di Topolino, ma anche in tante altre realtà provenienti da …

Continua a leggere »

Rallegriamoci, Gesù è con noi

Questo è l’impegno cui siamo chiamati in Quaresima: “accogliere la luce nella nostra coscienza, per aprire i nostri cuori all’amore infinito di Dio”. Rallegrati. È l’imperativo che ci accoglie, è l’antifona di ingresso, nella celebrazione di questa quarta domenica di Quaresima, domenica laetare. Ci viene chiesto di gioire perché siamo prossimi al tempo di Pasqua, e sappiamo che il tempo …

Continua a leggere »

Cleofe Ramadoro e le sfumature dell’anima

RUBRICA: Arte e cinema – La creatività della fede Nel 1906, Georg Simmel, uno dei più grandi interpreti dell’esperienza della modernità, scrive un lungo saggio, Die Religion. Indagando nella profondità dell’animo umano, Simmel scopre la religiosità come apertura di un’anima disponibile a sperimentare l’incontro con il mistero, ma capace anche, al contempo, di dare significato all’esistenza rivestendola di una tonalità …

Continua a leggere »

NEL NOME DEL PADRE “San Giuseppe: l’uomo dal coraggio creativo e dalle fede operosa”

RUBRICA: Arte e cinema – La creatività della fede a cura di don Andrea Verdecchia, Direttore Ufficio Comunicazioni sociali Artisti di tutta l’arcidiocesi di Fermo, unitevi! Non è stato detto esattamente così – e scusate la parafrasi – ma l’intento è quello. Unitevi per raccontare la Fede e l’Arte, come per secoli è accaduto. E magari farlo con una sezione …

Continua a leggere »

Il silenzio in San Giuseppe uno spazio dell’anima

Riflessioni di Madre Cecilia Borrelli sulla figura del “padre dell’accoglienza”. È un aspetto che mi colpisce particolarmente, ma occorre fare subito una premessa e chiarirne il senso. È stato davvero sempre in silenzio, quasi un muto, non amante della vita, incapace di relazionare? Le pagine del Vangelo ce lo mostrano silenzioso: di lui non c’è neanche un sussurro! San Bernardo …

Continua a leggere »

Numero 2 / 2021

Sfoglia o scarica il numero 2 del 2021 dedicato alla figura di San Giuseppe, nell’anno a lui dedicato da Papa Francesco. È possibile sia consultarlo online (da pc, smartphone o tablet) che scaricare il pdf per creare un proprio archivio personale da consultare anche offline. ISTRUZIONI: Attendere il completo caricamento della pagina qui di seguito aspettando che scompaia la scritta …

Continua a leggere »

Con autorevolezza: “Taci!”

Mc 1, 21-28 L’uomo ha nostalgia d’incisivi segni ed incontri. L’uomo impuro del vangelo “grida” appunto questa nostalgia, pur essendo nella Sinagoga; l’impurità di dottrine spacciate per “leggi di Dio” lo separa- lacerandolo- dal vero incontro, quello con Dio. “Taci, esci da lui”: uno sfratto da un’abusiva abitazione! “Siamo tempio dello Spirito Santo” (1Cor 6,19-20) “Homo vivens, gloria Dei” diceva …

Continua a leggere »