Home » arte&cultura » Castigat ridendo mores

Castigat ridendo mores

Stampa l articolo
Abbiamo raccolto una piccola antologia di celebri componimenti poetici dialettali ancora attuali di ‘Ntunì de Tavarrò

Ricordi di scuola
(Olimpiadi dei piccoli, 1926)

Tant’anni fa pur io d’ero studente
no come addeso fino che jè pare.
Dicìa ch’è mejo poco che niente me fece fa la quarta ‘lementare,
e me piacìa, lo più che ce penzavo
era la prima òta che ce javo.
Ancora me la tenco pe’ rrecordu
che me rammenta tutto lo passato,
la penna che costava menzu sordu;
co’ quella checcosetta so imparato.
Durò quattr’anni, nò me s’è finita
sulo pe’ la miseria de la vita.
Lu varbiere
(Ntunì de Tavarrò ha vinto recitando questa poesia a La corrida il 16 maggio 1972)

Ce prôa con tutto, per fasse che lira,
perfino a pijà in gniru a le persone;
cià un postarellu appena ce se ‘rghira
e loco nànti cià scritto: Salone.
Serve quilli che cià, po’ se sta l’ore
loco la porta sinza fa niente;
co’ ‘llu càmusciu biancu da dottore,
co’ la speranza che va lu criente.
Però a vedellu co’ quella muntura,
la jente ce sta quasci penzierosa,
specie a la juintù jé fa paura
e non se fa la varba più de cosa.
Un dì servì un signore de rispettu,
un tipu scunusciutu che passava;
sinza rraprì de có’ lu ruvinettu,
sputàa su lu pennellu e ‘nzaponava.
Quillu a vedé cuscì mólla la crema,
jé disse chiaro sinza cumprimenti:
-Ma de’ ste parte usete ‘ssu sistema
pe’ ‘nzaponà la varba a li crienti? –
-No, questo, – disse, – è per quilli lontani,
che quanno paga, è jente che li caccia,
sulo a li forestieri; a li paesani
jé se sputa diretti su la faccia. –
Sennò serve con carma e cià maniera,
vôle che li crienti scia contenti,
quanno te raschia cià ‘na ma’ leggera,
che se te taja manco te lo senti.
Io ce capì ‘na ‘òta che ce jette
che come attrezzatura mette voja:
cià supprimatu, spirutu e pecétte,
che manco de ‘na sala operatoria.
Te chède scusa ‘gni ‘òta che te taja;
ma quello che te fa ‘mpó’ meraviglia,
cià un gattu, ch’è più grassu de ‘na quaja:
sta sempre a smiaolà sotto la seja.
Jé chidì unu fin che vinìa rasu:
che vô ‘ssu gattu che sta a fa’ ‘ssa lagna?-
Quissu, – disse, – c’è ‘vvizzu, ‘ncé fa casu,
se casca li retaji, se li magna.

 

Lu cascè

Je disse Marià a lu farmacista:
– sarrà da dó’ tre dì, so fatto casu
che me sento la vócca tanta trista
e pare che me pizzaca lu nasu. –
– Ma mó se po’ fa a meno de sta male,
je rispunnì co’ poco che te costa
ciaimo sti cascè ch’è l’ideale:
pijete quistu e me darrai resposta.
Tu te prepari menzu vecchié d’acqua,
cuscì non te fa ‘rvinì su l’arlotti,
se manna jó cuscì, mica se ‘cciacca,
lu metti su la vócca e te lu gnotti.
E’nvece Marià ce penò tanto;
non se sa comme, je fece brutto
cunvintu de pijasse tutto quanto
defatti se gnuttì scattala e tutto.
Vuttava certe lagreme, poracciu,
scigghió pe’ lu cannucciu strufinava,
‘llongàa lu collu comme un gajinacciu
che su lu cargarozzu gné passava.
Lu mannó jó fra tribuli e le pene,
che je ce mancò poco pe’ strozzallu;
disse: – non dico che non farrà bene,
ma resta fastijusu per pijallu.

 

Fermo
Fermo, lu situ de la iente astuta,
una città che ce pare dorata
per quantu sole c’è,cià la veduta
comme fosse ‘na rosa spampalata.
Non sulo le vellezze, cià la gloria
che tanto ‘ddeso comme lo passato,
c’è statu quasci sempre che fermanu
stampatu su le pagine de la storia,
framenzo l’altri geni ch’ha onorato
tuttu lu territoriu marchigianu.
‘N’amabile maestra de la vita
ch’è ‘rimasta ‘n core a chi l’ha cunusciuta;
jente che da’gni parte c’è vinuta
su l’istituti sui do’ s’è struita.
Cara città, da tutta venerata
de più de ‘na regina…,
ricca de l’importanza ‘reditata
d’un re de medicina…. (°)
Te vedo, Fermo mia,
sopre lu colle do’ te stai veata,
lassù defronte a quanti
sente verso de te la simpatia
pe’ la vera vontà de l’abbitanti.
Sarà perché la sorte t’ha ssegnato
la sede d’un Pastore
ch’ha sempre più li popoli guidato
su la via de la pace e de l’amore.
Li valli noi

Ora ch’è carnevale
e come vecchia usanza
de fa lu sdruscia panza
per potésse scallà.

Tuttti quilli che balla
deve fa pinitenza,
l’esame de coscienza,
se se vorrà sarvà.

Li giovini moderni,
ch’è troppo prepotenti,
anchi se jé stai attenti,
non te ne poi fidà.

Che cosa ce lo sente,
e questo se capisce
de comme se ‘ccanisce
co’ ‘sto santo vallà.

La matre dice: è brutto,
faje vallà la porka;
ma intanto ce le porta
eppo’ jé sta a guardà.

Cerca de staje attento
finamente che balla
cuscì se je se scalla
le po fa refiatà.

È sempre mejo prima
d’aveje ‘mpo’ reguardo,
che quanno è troppo tardo
non c’è gnènte da fa.

Queste sarrà fregnacce
che nisciuna le crede,
ma quanno jé succede
diventa verità.

Questa raspa moderna
sarrà ‘na cosa vèlla,
ma jé ‘nfoca la pella
a forza de ‘zzugà.

Per questo quelle grasse
ci-à la cipria ‘n saccoccia,
cuscì benché se tocca
po’ pure seguità.

De li valli d’addèso
me ne piace unu sulu,
quanno cèrne lu culu:
lu manna ‘n qua e là.

Addè più è ‘nnammorate,
più corre su li valli,
macari pe’ ‘bbraccialli,
se atro non po’ fa!

Lu Santu nou

Seccome era aumentatu, lu curatu
per non chiede a lu populu e seccallu,
se tinia un Sant’Antognu scortecatu,
che ce sarria voluto a renoallu.
Ma je seccava a vedellu vuttatu,
dopo tant’anni che l’era pregatu
Perfino a Pasqualì, lu festarolu,
a vedellu cuscì je facia pena;
cridia de tanti Santi quillu sulu
che se troava cò la stalla piena
e, i tutti li momenti de vesognu,
java a recorre sempre a Sant’Antognu.
Non sulo che ‘gnì tanto jàa a pregallu,
ma, vista la niciscità che c’era,
je vosse regalà per potè ‘rfallu
lu fustu de la pianta de ‘na pera,
che no’ gne mportò cosa a dalla via,
tanto le pere no’ gné le facia.
Ce vose mutuvè a cunfizzionallu;
però ce venne un Santu gròssu e bèllu
che toccò a cambià pure lu caallu
perchè li ‘ccanto paria un pucinellu.
Per fa mette la folla gnenocchiata,
vastava solamente la guardata.
Per quanto venne greu, java pustau
e tra la jente, quanno se muia,
paria ‘na spece che fosse passatu
un granatiere tra la fanteria
e tantu era l’aspettu e la statura,
che a le creature je mittia Paura.
Ma Pasqualì fu sfortunatu uguale;
dopo d’un pò che la tinia segreta,
se seppe che je stava tanto male
‘na ‘bbella manza de seconda feta.
Se fosse morta sarria statu un piantu
e jette con fiducia su lu Santu.
Fin che pregava e je chidia un consiju,
che manco l’oraziò l’era finita,
quanno là ‘rreto je vussò lu fiju,
je fece:– O và, la manza se n’è ghita.
E’ ‘rmasta pe’ traerso, ancora è calla,
co le zampe stirate jò la stalla –
‘Rguardò verso lu Santu co’ ‘na mossa,
se ‘rrizzò su, de rabbia ‘ncé vidia;
per dije che je l’era fatta grossa,
lasciò li paternostri a menza via.
— Non te vulia cambià manco lu prete
perchè capia che lo pegghio vè arrete.
Quill’atru no’ m’è statu mai contrariu;
ma tu me fai reduce sinza un sòrdu;
sci fatto pegghio de lu vitrinariu
che co li macellà ce va d’accordu.
Poi fa’ le grazie tu? Poi fa’ un piacere?
che non sci fatto mai manco le pere!!

About Mario Liberati

MARIO LIBERATI Nato a Montegiorgio (AP) nel 1938 . Maestro. Attualmente è Diacono Permanente della Chiesa di Fermo. E’ stato Consigliere Provinciale della Provincia di Ascoli Piceno dal 1985 al 1995, e per sei anni ha ricoperto l’ incarico di As­sessore Provinciale alla Cultura. Ha fatto parte del Consiglio Nazionale delle Federazioni Regionali degli Ospedali (FIARO). Ha fatto parte del Consiglio Nazionale dell’ Unione Province d’ Italia (UPI) ed ha fatto parte della Commissione Nazionale UPI per la scuola e la cultura. Nel 1985 ha vinto il Premio di Cultura locale “Giovanni Ginobili”. E’ autore di pubblicazioni, tra cui: MONTEGIORGIO insieme con Germano Liberati (1974),MEDICINA POPOLARE. (1985) MONTEGIORGIO NELLA TOPONOMASTICA (1991), VICENDA AMMINISTRATIVA MONTEGIORGESE (1991, 1° vol. e 1992 2°vol.), LE SCELTE ALIMENTARI A MONTEGIORGIO DAL 1770 ALLO STUDIO DEI SETTE PAESI insieme con Flaminio Fidanza. (2009) Ha curato e collaborato tra gli altri alla stesura e pubblicazione dei seguenti libri MONTEGIORGIO nella Storia e nell’Arte (2008), IL TEATRO ALALEONA DI MONTEGIORGIO (2013). Ricopre la carica di Presidente del Comitato di Redazione della collana “I Quaderni Montegiorgesi”.

Vedi anche

Amando(la) filosofia

Ad Amandola, sotto la maestosa e regale Sibilla, si sale in alto per pensare. Da …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: