Home » arte&cultura

arte&cultura

Voce attenta alle emozioni in… versi

Sonia Trocchianesi Poetessa del Fermano. Il modo di amare delle donne, il loro guardare alla vita, il modo con cui vivono le relazioni e il loro percepirsi in presenza o assenza di un vero e profondo significato d’amore, incide profondamente nel loro modo di essere. Per Sonia l’attenzione alla natura, dal piccolo al macro, descritta e donata al lettore attraverso …

Continua a leggere »

Letteratura dell’esilio e dell’esodo

“L’esodo” La tragedia negata degli italiani d’Istria, Dalmazia e Venezia Giulia di Arrigo Petacco. “In questa ricostruzione, lontana da ogni interpretazione ideologica, Arrigo Petacco racconta la storia di un lembo conteso della nostra patria, in cui la presenza di etnie diverse ha favorito, di volta in volta manifestazioni nazionalistiche, quasi sempre dettate dall’ideologia vincente”. Scrive l’autore in seconda pagina di …

Continua a leggere »

Restaurata la Madonna del latte

Cerimonia alla presenza del vescovo che ha piantato una noce come simbolo della nascita di una nuova vita. Il 12 settembre in contrada Madonna Manu’ o Madonna delle noci, si è svolto un evento molto importante presso la Chiesa omonima, risalente all’anno Mille: 38 mq di storica bellezza e un affresco restaurato di recente rappresentante la Madonna del latte. Il …

Continua a leggere »

Letteratura dell’esilio e dell’esodo

La rassegna, curata dal nostro giornale, continua con la lettura de “Bora Istria, il vento dell’esilio” di di Anna Maria Mori e Nelida Milani. Il libro, Bora Istria, il vento dell’esilio, di Anna Maria Mori e Nelida Milani, pubblicato nel 2018 da Marsilio Editore per la collana Specchi, è un testo ricco di memorie, ricordi, aneddoti e riflessioni. Leggendolo, scrive …

Continua a leggere »

Siware, il viaggio di Osas

Emigranti ed emigrazione. “Osas è un ragazzo nato nel villaggio di Esan in Nigeria. Una notte d’estate all’insaputa dei suoi genitori decide di partire. Una voce interiore lo spinge ad intraprendere il viaggio della vita. Sarà un lungo viaggio che lo porterà ad affrontare esperienze forti che mai avrebbe immaginato. Finalmente approda in Italia nel 2015, per poi giungere nelle …

Continua a leggere »

Il canto… la sua passione

Incontro con Gloria Conti. Ho avuto la felice occasione di conoscere ed apprezzare Gloria casualmente, alla Vineria M481 di Grottammare Alta, un pomeriggio in cui condividere spazi ed emozioni in incontri ad hoc con i vari artisti locali. La bellezza della sua voce, l’interpretazione che ha saputo rendere cantando un brano senza alcun accompagnamento musicale, hanno conquistato i numerosi presenti. …

Continua a leggere »

La Cattedrale di Fermo

Fra le più antiche costruzioni presenti a Fermo, la Chiesa di Santa Maria Assunta in cielo (Duomo) è quella che per prima saluta ed accoglie chiunque volga lo sguardo verso la splendida città. Visibile da quasi tutti i comuni dell’Arcidiocesi, la Cattedrale si erge maestosa sul colle del Girfalco e da secoli dà il benvenuto a chi sceglie il fermano …

Continua a leggere »

La casula di Becket

La Chiesa cattedrale di Fermo è un inno alla Madonna. Non solo perché a Lei dedicata, ma anche per la sequenza dei dipinti dai quali la Vergine sempre risalta. Una visita che è come un pellegrinaggio, dall’ingresso sino al gruppo scultoreo dell’Assunzione di Maria in cielo, che campeggia dietro all’altare principale. Nell’annesso Museo diocesano, accanto ai tanti oggetti sacri e …

Continua a leggere »

Tempo di vacanza: lentius, profundius, soavius

Penso che da questa estate 2020 sarà necessario adottare il motto di Alex Langer (1946-1995) per vivere il tempo di vacanza nella post emergenza Covid-19: “più lentamente, più in profondità, con più dolcezza”. Forse potremmo comprendere e riconoscere che le vacanze “mordi e fuggi”, “tutti insieme appassionatamente”, “in luoghi esclusivi ed esotici”, “fortissime e sfrenate”… non erano neanche prima un …

Continua a leggere »

Una Santabarbara a scuola

Conosciamo Giuseppe Sartori e il suo racconto da scolaro durante la guerra. Giuseppe Santori, classe 1932, è una persona con infiniti interessi, nonostante la non giovane età. Usa gli strumenti informatici meglio di un giovane. Si serve di tutti i Social, attraverso i quali è in contatto con mezzo mondo. Non ha mai smesso di leggere. Ha nella sua biblioteca …

Continua a leggere »