Home » Stefania Pasquali

Stefania Pasquali

Stefania Pasquali nativa di Montefiore dell'Aso, trascorre quasi trent'anni nel Trentino Alto Adige. Ritorna però alla sua terra d'origine fonte e ispirazione di poesia e testi letterari. Inizia a scrivere da giovanissima e molte le pubblicazioni che hanno ottenuto consenso di pubblico e di critica. Docente in pensione, dedica il proprio tempo alla vocazione che da sempre coltiva: la scrittura di testi teatrali, ricerche storiche, poesie.

L’operatore socio sanitario

Intervista ai giovani sposi Roberto e Milena. L’operatore socio sanitario, il cui acronimo è O.S.S., è una figura operante nel campo dell’assistenza socio-sanitaria nata a seguito dell’accordo Stato Regioni del 22/02/2001. Ha sostituito le precedenti figure sia nell’area sanitaria sia nell’area sociale integrando funzioni, compiti e competenze di entrambe le aree. L’ O.S.S. è un operatore preposto ai bisogni fondamentali …

Continua a leggere »

La sacralità del femminile

Adelaide Natali: l’arte… vista mare Essere donna e artista, è per Adelaide una storia di affermazione e realizzazione personale. Originaria di Altidona e classe 1970 trascorre un’infanzia libera e serena, immersa nella bella e curata campagna marchigiana. Alle bambole preferisce giocare con le auto in miniatura. Predisposta all’arte pittorica si iscrive al Liceo Artistico Preziotti Licini di Fermo dove incontra …

Continua a leggere »

La Valdaso si prepara

A confronto con il Vicario d. Umberto Eleonori sulle Unità Pastorali Nel panorama territoriale della Vicaria di Pedaso, come in altre Vicarie della Diocesi, si parla sempre più di Unità Pastorali, una realtà prevista dal Codice di Diritto Canonico (art. 543), una realtà già in atto per diverse parrocchie della Vicaria. Si tratta di una razionalizzazione del territorio che unisce …

Continua a leggere »

Profumo di Provenza sui Monti Sibillini

Montegallo è un comune montano della provincia di Ascoli Piceno che contava prima del terremoto 507 abitanti. Si trova ai piedi del Monte Vettore e fa parte della Comunità Montana del Tronto. È un comune sparso, la sede, nella frazione di Balzo. Ed è in questo bellissimo paese che incontriamo Federico e Nicoletta. Abitano in una piccola casa poco distante …

Continua a leggere »

Assaporare l’essenziale

A Lapedona il 22 dicembre alle ore 21.00, presso la Sala Madonna Manù-S. Quirico ci sarà un evento riguardante la presentazione di un libro che parlerà dei rimedi sapienti delle nonne di famiglia. Marina Verzulli eseguirà alla chitarra vari brani di musica classica e a chiusura della serata sarà proiettato un video che riporta immagini di vita rurale risalenti ai …

Continua a leggere »

Consigli per rendere gradevole un incontro

Quando negli anni settanta tornavamo con tutta la famiglia al completo, dal Trentino nelle Marche, non ci si poteva sottrarre al piacevole rito della visita a parenti e amici. Era l’usanza di quel tempo, che ricreava un’atmosfera di  gradevole incontro dopo un anno di lontananza. Tantissime le domande ma non per curiosità quanto per partecipare alle gioie e alle novità …

Continua a leggere »

Si amarono felici e contenti

Il matrimonio è uno dei due sacramenti detti “della missione” Quando ci siamo sposati  in chiesa, nel’72, tempo difficile e contraddittorio post sessantottino, si credeva  che il rapporto stabile e duraturo oramai fosse un’utopia.  I valori del “per sempre” a cui si faceva  riferimento, spesso per tradizione più che per convinzione, vennero scardinati da una legislazione e da una cultura …

Continua a leggere »

Sul fidanzamento

Storia e tradizioni del matrimonio. Oggi tutto è cambiato Fino al 1900 i matrimoni erano sottoposti ad un forte controllo sociale. Le persone non potevano decidere chi sposare e nemmeno quando sposarsi. Nelle famiglie aristocratiche e borghesi, era il padre a stabilire tutto quanto fosse necessario per un buon matrimonio e nell’interesse delle reciproche famiglie. Per i mezzadri e contadini, …

Continua a leggere »

Diete dello Spirito

Altro che dietologi. Il cibo dei monasteri medievali divenne strumento per sottolineare la distanza tra chi utilizza il cibo come “segno” di potere terreno e la distanza dal potere stesso, proprio attraverso la parsimonia nell’assumere solo il cibo strettamente necessario. “Niente piace più a Dio della magrezza del corpo e più il corpo sarà asciugato dall’asprezza delle mortificazioni, meno sarà …

Continua a leggere »