Home » arte&cultura (pagina 5)

arte&cultura

RITRATTI: Elena Ciarrocchi

Elena Ciarrocchi, 35 anni, sangiorgese purosangue, esile, treccia squaw. Professione: ricamatrice. Professione sul serio? Proprio così: ricamatrice. Ma non di tende o federe o lenzuola. Ricamatrice di paramenti sacri soprattutto. Con fili d’oro, con materiali preziosi, con attenzione certosina. Con mano agile. M’incontro con Elena nel suo laboratorio, nei pressi della chiesa della Damigiana, ovvero Sacra Famiglia. Si schermisce: «È …

Continua a leggere »

Grimaldi: nella poesia abita “Il vero della vita”

Dopo Pasquale Tocchetto e Lorenzo Romagnoli mi sembrava di fare un torto a Fabio Grimaldi, altro poeta morrovallese, se non mi fossi interessato della sua produzione poetica. Fabio Grimaldi, nato a Macerata nel 1968, vive e lavora a Morrovalle. È laureato in Lettere moderne. Esordisce nel 1989 con la raccolta di versi Il vero della vita, presentata da Mario Luzi …

Continua a leggere »

Sotto la neve calore umano

Fermo: il ghiaccio ha costretto a vivere la città a piedi Giorni di neve e di gran freddo. Cammino tra i vicoli di una Fermo fantastica. Ghiacciata la grande fontana del Girfalco. Bene l’ha immortalata il fotografo-peripatetico Franco Marinucci. Non è il solo scatto che stupisce. C’è quello di via San Tommaso, c’è quello di Villa Vitali, ci sono quelli …

Continua a leggere »

RITRATTI: Massimiliano Splendiani

Massimiliano Splendiani, anni 42, sindaco di Moresco, eletto con la lista La Terza Torre. Se Le dico: vita da sindaco, cosa mi risponde? Che è una vita dura, difficile, specie in questo momento. Probabilmente, ogni amministratore avrà avuto difficoltà… La sua qual è? Non è ben chiaro quello che dobbiamo fare. Poi, il Patto di stabilità è stato allargato anche …

Continua a leggere »

Don Lorenzo Milani e l’esilio di Barbiana

Michele Gesualdi, morto il 18 gennaio 2018, racconta da testimone oculare la vita nella scuola per arricchire i poveri di parole “Si racconta che quando a Firenze fra Girolamo Savonarola venne condotto al rogo, condannato da un Papa e da un Cardinale, i suoi fraticelli cantarono il Te Deum. Qualche secolo dopo, sempre a Firenze, la Chiesa decide di uccidere …

Continua a leggere »

Immagini, personaggi, storie

Terra di Marca al BIT di Milano racconta un territorio Lunedì scorso, alla BIT di Milano, invitato dal sindaco di Fermo Paolo Calcinaro, ho parlato di Immagini, Personaggi, Storie e Leggende della Terra di Marca. Ho chiesto cosa avrebbe fatto un rinato giovin signore dell’aristocrazia europea nel 1700, arrivando a Fermo sulle tracce del Genius Loci? Avrebbe raggiunto il Colle …

Continua a leggere »

Una lunga storia che collega Marche e Brianza

È strano come i legami con il proprio ambiente di nascita si scoprono meglio standone lontano. Nel 1986 insegnavo nella Scuola Media di Verano Brianza (MB). Ricordo che in quell’anno portai a scuola una mostra, prelevata dal museo di Storia del Risorgimento di Milano, su Pietro Malvestiti (Apiro 26 giugno 1899- Milano 5 novembre 1964), curata dal Centro Studi “Puecher” …

Continua a leggere »

RITRATTI: Laura Marziali

Giovane, elegante, vulcanica. Vulcanica soprattutto. Laura Marziali sprizza energia e voglia di fare. Un articolo non basterebbe. Sintetizzo molto. Ci incontriamo a Montegiorgio, nella sala della Biblioteca Mons. Germano Liberati. Laura mi ha incuriosito. Ho letto di Vicolo Cechov, della Scuola di Improvvisazione, dei molti ragazzi che la frequentano proprio a Montegiorgio. Lei ne è la responsabile e docente, legata …

Continua a leggere »

I nomi legano le generazioni

Moresco: il tricolore per ricordare i caduti della guerra Testa mozza, Andrefacchie… due contrade di Moresco. La prima un tantino inquietante; la seconda dal nome poco comprensibile. È giornata di sole. Scendo verso la Valdaso. Fermo l’auto accanto alla vecchia strada che porta ad Andrefacchie. Sicuramente la via era costeggiata di querce. Ne rimangono poche. Poche ma orgogliose. Più avanti …

Continua a leggere »

RITRATTI: Giovanni Miconi

Tutto parte da Cecco d’Ascoli. Sono i giorni precedenti il sisma. Estate 2016. Alla Gola dell’Infernaccio, con alcuni amici avevo inscenato un cammino sulle tracce di Francesco Stabili e del Guerin Meschino. Tornando, bisognoso di olio, alla Parapina di Servigliano mi fermo presso il Molino Miconi. C’è lui. Giovanni Miconi è in ufficio. Alle spalle un manifesto. Promuove un incontro …

Continua a leggere »