Home » lettere al direttore » Rinasce la Confraternita

Rinasce la Confraternita

Stampa l articolo
26 Maggio 2017, una nuova data d’inizio per la Ven. Archiconfraternita della S. Spina.
Il decreto di S.E. Mons. Conti ha ufficializzato la nomina del Priore e del Direttivo facendo uscire la comunità laicale dal commissariamento.
La Confraternita viene proposta e istituita dal generale dei francescani cappuccini Silvestro da Rossano nella predica quaresimale del 1574 e confermata da S.S. Gregorio XIII nel 1575 e da S.S. Clemete VIII nel 1599. Da allora ha subito due soppressioni, napoleonica prima e sabauda poi, per tornare sempre con fede al ruolo che le è stato assegnato: custodire, proteggere e venerare la Sacra Spina di N.S. Gesù Cristo.
In tempi più recenti le fraternità laicali hanno visto un picco di decadenza dal quale non è stata esente la nostra comunità. Retta da un manipolo ristretto di uomini fu commissariata da S.E. Mons. Franceschetti che nominò don Osvaldo Riccobelli parroco di s. Lucia come commissario. Il logorio sembrava non potesse aver fine, quando la Provvidenza ha mosso il mio animo e nel 2013 ho iniziato a seguire le indicazioni del Cav. Umberto Ercoli custode della storia recente e delle prassi amministrative. Non bastava.
Per dare nuova linfa ad una comunità bisogna avere una comunità e quindi ho iniziato a cercare ragazzi e ragazze che avessero a cuore la venerazione alla Passione di Cristo, trovando un gruppo saldo nella fede e pronto a una nuova avventura insieme.
Altri eventi sembravano far decadere questo proposito. L’attuale amministratore parrocchiale Fra Andrea Patanè ffm si è quindi accollato anche la responsabilità di guidare materialmente e spiritualmente la nascente comunità di confratelli, poi il sisma. La chiesa di S. Agostino inagibile, i crolli, piazzetta dichiarata zona rossa, la corsa a mettere in salvo la Reliquia. In questo disegno divino il gruppo anziché disperdersi si è coeso, anzi è cresciuto.
In maniera informale, in attesa del decreto, ci siamo riuniti più volte coadiuvati da Fra Andrea, l’amicizia e la fratellanza sono palpabili, molte le iniziative in cantiere: un s. Rosario di confraternita aperto ai fedeli ogni mese, conferenze storiche, Lectio Divine sulla Passione, Esercizi Spirituali, pubblicazioni e chissà quant’altro. Intanto ringrazio il nuovo direttivo nelle persone di Umberto Ercoli, Anastasia Nicu, Luigi Sgariglia e Alessandra Perticarini con i quali dividerò oneri e onori, successi e difficoltà e ogni singolo confratello che da 443 anni ha vissuto venerando e proteggendo la s. Spina.
Nel decreto di S.E. Mons. Conti affida la mia persona e l’intera Ven. Archiconfraternita della s. Spina alla B.V. Maria Assunta in Cielo Patrona della nostra Archidiocesi, devotamente lo ringrazio a nome di tutti i confratelli.
Ringrazio formalmente don Osvaldo Riccobelli per i lunghi anni al servizio della Confraternita, come Cappellano prima e Commissario poi, e per avermi dato fiducia; il Cav. Umberto Ercoli per aver lavorato, spesso in solitaria, per tutta la Confraternita; fra Andrea Patanè ffm per il suo contributo alla crescita spirituale di ognuno di noi e per dare ampio risalto ai nostri progetti coinvolgendo la Parrocchia e il suo Ordine di appartenenza.
Avrei molto da esprimere ma lascio che i miei propositi vengano enunciati dalla preghiera tradizionale dei confratelli durante la Settimana Santa:

O Gesù, la Sacra Spina che trafisse il Tuo
Adorabile capo e forma da secoli il tesoro più
Singolare di questa Città, ci ricordi i dolori da
Te sofferti per la redenzione dell’umanità, ci
Insegna a conformare la nostra vita alla Tua,
attraverso la mortificazione, il rinnovamento
e la riconciliazione.
Concedi a noi, o Signore, la grazia di un
sincero pentimento delle nostre colpe, di vivere
sempre in unione con Te e con i confratelli, fa che
la nostra Città conservi sempre viva e stabile la
fede, difenda la purezza dei costumi, ravvivi la
pratica delle opere buone, affinchè tutti noi,
privilegiati dal dono di così grande e preziosa
reliquia, possiamo meditare il mistero della Tua
passione, nella speranza di essere coronati con
Te nella gloria del Padre.
Amen

Emanuele Luciani
Priore della Ven. Arciconfraternita
della Sacra Spina

About la redazione

Vedi anche

… c’è la Fonte della Carità…

Monte Vidon Combatte: Collina Vecchia e Collina Nuova Collina Vecchia. Un borgo medievale in basso, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: