Home » arte&cultura » Itinerari per turisti » La casula di Becket

La casula di Becket

Stampa l articolo
La Chiesa cattedrale di Fermo è un inno alla Madonna. Non solo perché a Lei dedicata, ma anche per la sequenza dei dipinti dai quali la Vergine sempre risalta. Una visita che è come un pellegrinaggio, dall’ingresso sino al gruppo scultoreo dell’Assunzione di Maria in cielo, che campeggia dietro all’altare principale.

Nell’annesso Museo diocesano, accanto ai tanti oggetti sacri e ai quadri di valore religioso e artistico, si trova qualcosa di veramente unico al mondo. È lo splendore della Casula di Thomas Becket, l’arcivescovo di Canterbury ucciso nel 1170 dai sicari di re Enrico II.

«Secondo la tradizione – scrivono gli esperti dell’Ufficio diocesano Beni Culturali – la Casula arrivò a Fermo perché venne donata da Becket a un vescovo fermano, Presbitero». Insieme avevano studiato a Bologna, l’amicizia non era mai venuta meno. Ma la tradizione dice anche altro: che fosse stata la madre a donare al vescovo fermano il paramento di suo figlio dopo l’omicidio perpetrato  dai quattro sicari, simbolo quasi degli altrettanti Cavalieri dell’Apocalisse.

«Fino al 1925 – continua lo scritto degli esperti – questo paramento era conservato all’interno di una teca di legno, aperta per assecondare il desiderio del Cardinal Merry Del Val. Il prof. David Rice dell’Università di Londra, fece oggetto dei suoi profondi studi il cimelio. Egli poté leggere la dicitura ricamata nel rettangolo al centro della casula che riporta luogo e data di lavorazione “Nell’anno 510 in Mariyya”, l’anno 510 corrisponde all’anno 1116 dell’era cristiana e Mariyya corrisponde alla citta spagnola di Almeria, all’epoca sotto il dominio arabo». Un tesoro d’arte e di storia dunque. Che ci fa anche chiedere chi fosse Becket, quali fossero le sue origini, come fosse la sua vita. Proveremo una risposta il 24 luglio, al Teatro sul Sagrato. Una risposta teatrale. Dove verità e verosimiglianza andranno insieme. Dove storia e leggenda si incroceranno, per tentare di cogliere l’uomo, il martire, il santo.

Alcuni particolari della casula:

About Adolfo Leoni

Vedi anche

(Ri)cominciare a camminare

Per un turismo lento, lieve, sostenibile. Penso sia necessario ripartire non da dove ci si …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: