Home » prima pagina » Aperto per ferie

Aperto per ferie

Stampa l articolo

Venti20 di novità: l’oratorio di San Marone al tempo del Coronavirus.

Sul calendario duemila venti della parrocchia San Marone, l’inizio dell’Estate Ragazzi era previsto per lunedì 8 giugno, la conclusione per sabato 4 luglio. Per il Covid 19, tutto è slittato ad altre date, come tutte le manifestazioni sportive e di socializzazione. Si è ritornati a “Vedere le stelle” lunedì 22 giugno con l’inizio delle attività che si sono concluse sabato undici luglio. All’inizio si temeva che non si sarebbero potuti fare giochi di squadra, questo ha limitato in parte anche il numero degli iscritti. L’autorizzazione è arrivata dopo nove giorni dall’inizio del progetto. Ogni squadra era composta da soli cinque giocatori con un animatore come arbitro.
Nonostante tutto, hanno risposto all’appello 85 ragazzi dai dodici ai diciassette anni, divisi in otto gruppi, con un animatore a testa. In due gruppi, data la presenza di persone con disabilità e fragilità, si è preferito mettere due animatori. Anche la scelta di questi ultimi non è stata facile perché erano tutti studenti universitari, giovani lavoratori e adulti.
Comunque si è partiti, distribuendo le attività dal lunedì al venerdì, dalle 15,00 alle 19,00. Sabato undici luglio, dopo una grande caccia al tesoro per tutta Civitanova Marche dalle 15,00 alle 19,45, la Santa Messa alle 20,00, si è concluso il tutto all’oratorio San Domenico Savio, senza la presenza dei genitori.
È stato un vero campo estivo vissuto all’insegna della socialità e della collaborazione. I temi, proposti con tecniche di animazione, evitando la lezione frontale, riguardavano tutti i diritti dei minori, sanciti dall’Onu: tolleranza, parità di genere, razza e religione.
Grande spazio è stato dato anche all’ecologia anche con iniziative concrete. Sono stati messi a dimora degli alberi in alcuni spazi dell’oratorio, curati i fiori nei vasi, ridipinti muri perimetrali, verniciati i pali di sostegno delle altalene, rinnovati i cartelloni che invitano con nuove scritte al rispetto dell’ambiente. Alcuni lavori saranno portati a termine con la continuazione del progetto che terminerà il 31 agosto
Grande spazio è stato dato alla “Colletta Alimentare”. I ragazzi, con la pettorina della Caritas, hanno raccolto generi di prima necessità, per i nuclei familiari più bisognosi, presso i super mercati Coal e Coop di Civitanova Marche. Non siamo pietre che stanno accanto ad altre ma persone che vivono, in modo diverso, la stessa umanità. I care. Mi sta a cuore. Mi importa. Mi preme. Nulla mi è estraneo di tutto ciò che è umano. In un momento in cui il male oscuro della solitudine, ampliato dalla pandemia in atto, sembra avere il sopravvento su tutti e tutto, è bene trasmettere segnali di solidarietà. All’adulto spetta il compito di seminare ed innaffiare le pianticelle in crescita.
I bambini dai sei agli undici anni hanno iniziato la loro Estate Ragazzi il 29 giugno, che andrà avanti fino al 31 agosto presso gli spazi del Centro Pastorale don Bosco, un’altra struttura della Parrocchia San Marone. Sono circa trenta gli iscritti che stanno frequentando le attività.
Queste ricalcano quelle dei loro amici più grandi, vissute presso l’oratorio San Domenico Savio. Gli animatori dei bambini provengono tutti dai Salesiani Cooperatori, e dagli Ex allievi salesiani. Il santo torinese aveva bisogno, come lui stesso sosteneva, di tutti, anche dei laici, per fare dei propri ragazzi, buoni cristiani e onesti cittadini.
Il bilancio del progetto è più che positivo, secondo tutti gli animatori. Anche don Ezio Rossi, sacerdote salesiano, incaricato dell’oratorio, è dello stesso avviso. Preziosa poi è stata la collaborazione di don Alessio Massimi, altro giovane sacerdote salesiano della parrocchia San Marone. Si sa che i salesiani sono abituati a lavorare con grandi numeri di ragazzi. La scelta di lavorare con piccoli gruppi e di mettere assieme i ragazzi della Scuola Media con quelli delle Superiori ha permesso ai primi di sentirsi più protagonisti. Se ci fossero stati con loro quelli più piccoli, gli animatori avrebbero rivolto di più la propria attenzione verso questi ultimi, come è normale che avvenga.
Non sempre il male viene per nuocere. Recita così un vecchio adagio popolare. Anche in una situazione di costrizione si può trovare qualcosa di positivo.
Si sapeva, prima di iniziare, che l’Estate Ragazzi, quest’anno non sarebbe stata come negli anni passati. Ecco allora che si è pensato subito di far frequentare due tipi di percorsi formativi per gli animatori, un corso di formazione della durata di un mese e altri tre incontri di formazione, prima di iniziare l’esperienza. I salesiani non lasciano nulla al caso. Sono capaci di fare cose ordinarie ma in modo straordinario. Guidano la parrocchia San Marone dal 1951 e attorno a loro è nata con gli anni la grande Famiglia Salesiana, dai Salesiani Cooperatori, agli Ex Allievi don Bosco, al Savio Club, all’ADMA (Associazione Devoti di Maria Ausiliatrice). •

About Raimondo Giustozzi

Vedi anche

Le rondini a primavera

Appunti di un viaggio in Grecia. Le rondini: da quanto tempo non vedevamo le rondini! …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: