Home » prima pagina » Il primo GREST non si scorda mai

Il primo GREST non si scorda mai

Stampa l articolo

Civitanova Marche: esperienza del grest estivo 2020 nell’oratorio “Cristo Re” e dei Campo-Scuola.

L’oratorio di Cristo Re, appartenente all’Unità Pastorale S.Pietro e Cristo Re di Civitanova Marche, non si è fermato neanche questa estate! Da sempre, credendo fortemente nella valenza educativa, sociale e spirituale delle attività estive, propone esperienze per bambini e ragazzi di diverse età per vivere e sperimentare la bellezza di essere comunità insieme al Signore.
Fin da subito noi animatori insieme al nostro parroco don Mario Colabianchi, ci siamo interrogati su quale potesse essere il modo migliore per affrontare insieme la situazione di emergenza che tutti viviamo in questi periodi così particolari.
L’entusiasmo e la voglia di stare insieme ai ragazzi della nostra parrocchia, il parlare con loro, riprendere quella vicinanza fisica dopo i mesi bui del lockdown sono stati motivazioni così forti che con coraggio siamo scesi in campo, non potevamo tirarci indietro.
È cosi’ che abbiamo riproposto come ogni estate l’attività dei campiscuola: dal 4 al 12 luglio, a Bagni di Nocera Umbra, due gruppi di ragazzi dalla quinta elementare alla seconda media si sono alternati in due turni per prendere parte all’iniziativa dal tema “lontani ma vicini”. La partecipazione è stata notevole e il gruppo, insieme agli animatori, ha raggiunto il numero di circa settanta partecipanti.
Per i ragazzi della terza media e delle superiori invece il campo scuola si è svolto dal 2 al 7 agosto ad Arabba, in Veneto. Anche in questo caso la risposta dei giovani è stata molto positiva!
La novità però della nostra proposta estiva è stata l’iniziativa del Grest, svoltasi dal 14/07/20 al 30/07/20, Il pomeriggio di ogni martedì e giovedì, per i ragazzi dalla terza elementare fino alla terza media. Nel corso delle settimane i ragazzi, circa una trentina, hanno con costanza partecipato ai giochi, alle attività di laboratorio manuali e musicali e ai momenti di preghiera. Tutto si è svolto in un clima di “normalita e di condivisione, ma in particolare si è potuta toccare con mano una gioia vera grazie alla Semplicità E alla bontà dei ragazzi, i quali hanno reso tutta l’esperienza più spensierata e bella!
Questo Grest è stato speciale per tanti motivi… perchè ci ha permesso di sperimentare che i limiti e le difficoltà possono diventare una risorsa (è la prima volta che organizzavamo un grest estivo in oratorio) e l’abbiamo fatto proprio in un contesto dove le questioni legate alla prevenzione, alla sicurezza si sono mostrate un valore aggiunto di questa bella esperienza e ci hanno tracciato la via per proporre tale iniziativa anche in futuro.
L’occasione per testimoniare ancora la gratuità, l’accoglienza, nel servizio per le famiglie e i ragazzi della nostra comunità e non solo. Il tutto grazie agli animatori volontari , giovani e meno giovani che con il loro impegno hanno reso possibile la riuscita del grest.
È stato un momento di grazia, che ci ha fatto davvero comprendere ancora una volta che “c’è più gioia nel dare che nel ricevere”: la gioia dei ragazzi, dei genitori e di tutti noi animatori che ci siamo messi in gioco, il tutto per rendere questo nostro mondo più bello e fraterno! •

Michele Sanchi, Responsabile dell’Oratorio Cristo Re

About la redazione

Vedi anche

Siware, il viaggio di Osas

Emigranti ed emigrazione. “Osas è un ragazzo nato nel villaggio di Esan in Nigeria. Una …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: