Home » per riflettere » Ascolta figlio » L’amore ostinato di Dio

L’amore ostinato di Dio

Stampa l articolo

RUBRICA: “Ascolta, figlio”*

Dal Vangelo di Mt 22, 1-14

La città è in festa: si sposa il figlio del re! Stranamente gli invitati cominciano a trovare scuse per non partecipare: uomini seri loro! Non possono perdersi in festini, balli, incontri “gioiosi” e “spensierati”.
Il tempo è moneta, interesse, poco conta la qualità della vita basata in modo prioritario sulle relazioni.
Il Signore, invece, che è Amore, relazione, ci desidera, ci cerca, c’invita, vuole stabilire con noi una comunione di vita: la vita cristiana è una storia d’amore, non una vita “sbiadita” senza slancio, entusiasmo, rassegnata alla routine quotidiana.
“Non se ne curarono”: ecco la chiave per capire il motivo del rifiuto!
Mettersi in gioco è scomodo, troppo impegno, meglio defilarsi.
Dio è AMORE, non sbatte la porta, ma è inclusivo: incalza con i suoi reiterati inviti in modo ostinato e ci aspetta sempre!!!!
Se per caso rispondiamo di sì, non dimentichiamoci d’indossare l’abito della festa, ossia quello dell’amore di ogni giorno, vissuto nella gioia e nella fedeltà dei propri impegni.

“La bontà di Dio non ha confini e non discrimina nessuno: per questo il banchetto dei doni del Signore è universale, per tutti. A tutti è data la possibilità di rispondere al suo invito, alla sua chiamata; nessuno ha il diritto di sentirsi privilegiato o di rivendicare un’esclusiva”
(Papa Francesco)

* L’incipit della Regola di San Benedetto inizia con l’invito all’ascolto, ragion per cui non abbiamo visto titolo migliore per la rubrica riservata alla Parola di Dio.

A cura della famiglia monastica Benedettina di Fermo

About la redazione

Vedi anche

Il senso autentico del servizio

AC, Monaco di Baviera. Ritiro spirituale di inizio anno pastorale. In una parrocchia dell’interland, a …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: