Home » arte&cultura » Il Fermano da salvare (pagina 3)

Il Fermano da salvare

Turismo di relazione

Monte Vidon Corrado, Falerone, Belmonte Piceno, Servigliano Fa effetto sentire 35 senesi affacciati al balcone di Monte Vidon Corrado esprimersi stupiti: «Mamma mia, che bello!». È Lunedì di Pasquetta. Il tempo va migliorando nel corso della mattinata. Il gruppo è arrivato a Porto San Giorgio per le feste pasquali. Il titolare dell’albergo ha proposto anche un tour nell’entroterra. Esemplare! Quel …

Continua a leggere »

Spari a Fontemaggio

1947: un femminicidio nelle campagne di Monte Leone Più cammino la Terra di Marca più mi rendo conto di conoscerla poco. Ci rifletto mentre imbocco il bivio che da Servigliano porta a Belmonte Piceno. Sul crinale, c’è l’indicazione per Monte Leone. Due cucuzzoli più in là, si nota la chiesa campestre di Santa Lucia. Mi attrae. Ci arrivo. È piccola. …

Continua a leggere »

Luoghi di sola energia

Montegiorgio, Monte Vidon Corrado, Montappone, Smerillo Luoghi di energia! Dove la terra sembra emanare una forza altrimenti introvabile. Qualcosa che sfugge alle misurazioni. Ma che entra nella psiche e nell’anima delle persone. Che si percepisce più con il corpo che con la mente. Siamo sicuri che Osvaldo Licini: il grande pittore novecentesco, andasse a sedersi dinanzi alla chiesuola di San …

Continua a leggere »

Patrimonio dell’umanità

Proposta ad effetto: la Sibilla e i Sibillini Da ambienti giornalistici romani arriva l’allarme: vi stanno dimenticando. Destinatari sono i sindaci del sisma e gli sfollati lungo la costa adriatica. A dimenticare sarebbe la politica alta: le istituzioni di vertice. Le comunità locali raccolgono la segnalazione. I primi cittadini si sbracciano. C’è chi lo fa in proprio e chi cerca …

Continua a leggere »

Artigiani di ceramica

Montottone: profumo di terra, aria buona, silenzio, pace Foschia azzurrina lungo la valle dell’Ete vivo. È presto perché il sole s’impadronisca del mattino. Timido accenno di primavera. Il fiume ha fatto danni. L’erosione è ben visibile. Coprire a piedi un tratto sino alla «Madonna delle Cataste» di Ponzano di Fermo è impresa ardua. Le auto volano. Sentieri non ce n’è. …

Continua a leggere »

Domande tra la neve

Il terremoto, la neve, il ghiaccio, il silenzio, la Sibilla Sabato di sole ritrovato. Sabato di freddo conosciuto. Il verde della piana del Tenna è ghiacciato. A Servigliano, verso monte, lo scenario muta. Neve. La carreggiata si restringe. Il bianco candido della campagna diventa nero ai bordi della strada. Una nebbia orizzontale avvolge la parte appena sottostante le cime di …

Continua a leggere »

Luoghi cibi lavori feste

Genius loci: riscoperta della vocazione di terre non eguali Doveva esserci nevischio, secondo le previsioni meteo. È stata neve. Non certo come in Puglia, comunque niente male. Martedì scorso affronto la strada che da Contrada Abbadetta di Fermo conduce a Madonna Bruna di Lapedona. Sfiocchetta leggero. Quando raggiungo il punto più alto, con il mare alle spalle, Torre di Palme …

Continua a leggere »

Da Santa Lucia al Natale

Le tradizioni di un tempo miracoloso: anche gli animali parlavano In media anni 28. Laureati. Lombardi in vacanza nelle Marche, conosciuti in casa di amici. Amanti di viaggi, cinema, musica. Mi chiedono di accompagnarli in un Cammino particolare: quello di storie e leggende di Natale. La richiesta mi sorprende. Giovani che domandano cose del genere non ce n’è quasi più. …

Continua a leggere »

La Casa del Gusto

Servigliano: 42 piccoli grandi produttori della Terra di Marca Mai coincidenza non casuale fu così non casuale. Castel Clementino/Servigliano fu costruito su un campo di proprietà dei frati Minori dove ogni anno si tenevano due fiere: quelle del Piano, che richiamavano pastori dei Sibillini e pescatori dell’Adriatico. Terra con un genius loci forte. Sabato 26 e domenica 27 novembre: giornate …

Continua a leggere »

L’azienda non demorde

Amandola: gravi disagi e insidiosi pericoli stimolano la resilienza.  Terremoto, zone rosse, case danneggiate, sfollati. Ad Amandola succede anche altro. Che il sisma abbia, ad esempio, divelto le condutture idriche e che l’acqua abbia allagato interi campi. Il primo intervento del Consorzio idrico non ha risolto. È quanto accade nella campagna che costeggia l’antica strada romana che da Amandola conduce …

Continua a leggere »