Home » arte&cultura » Il Fermano da salvare (pagina 4)

Il Fermano da salvare

Senza mura di difesa

Moregnano: piccolo insediamento fortificato posto sulla collina C’è nebbia azzurrina in questo dopo pranzo con pioggia lieve. Lascio l’auto nei pressi del cimitero di Torchiaro e cammino per contrada Cerqueto. «Cerque» in dialetto, querce in italiano. E quante! Un tempo a rendere distinguibili, da altre, le nostre contrade. Immagino secoli indietro con querce, ghiande e maiali nei boschi, «dapprima quelli …

Continua a leggere »

Benvenuti a Torchiaro

Il paese de “lu curatu de lu trocchia’” ormai quasi abbandonato a se stesso Mattinata fredda giovedì 13 ottobre. La neve incappuccia da ieri i Sibillini. Non si suderà scendendo e salendo verso Torchiaro. All’altezza dell’azienda biologica Taurus lascio l’auto. Il cartello stradale indica 2km per l’ex comune oggi sotto Ponzano di Fermo. Ne sono più di tre. La discesa …

Continua a leggere »

Cucina e buone maniere

Petritoli: a “La Scentella” cena con ricette storiche, teatro e musica Quante sorprese in Terra di Marca. Piacevoli. Gustose. Curiose. Disomologate. Andate di sera per la Valdaso, arrampicatevi sui colli, scendete per stradine tra alberi di fico, tigli, gelsi, ulivi e viti. E profumo di intensa lavanda. Che è la prima cosa che arriva anche se fuori tempo massimo. Qui …

Continua a leggere »

La “Porta del cielo”

Montefortino: giubileo nel santuario della Madonna dell’Ambro Papa Francesco chiede Misericordia. Alla Misericordia dedica un Giubileo straordinario. E quale luogo di Misericordia migliore di un Santuario può esserci? Quello della Madonna dell’Ambro è esemplare. In quel luogo, che un tempo era la valle del torrente Amarus, forse nel senso di triste, penoso, senza amore, accadde un fatto miracoloso. Che lo …

Continua a leggere »

Miracoli di casa nostra

Taumaturghi e proprietà miracolose rendono suggestivi i nostri territori  Il Santuario fermano di santa Maria e sant’Anna protegge da secoli partorienti e puerpere. Un tempo, molti i pellegrinaggi. Ed anche un miracolo. Il beato Antonio Grassi, diretto al santuario, fu colpito da un fulmine. Solo il saio bruciò. Ora l’ “Adriatica” deturpa l’edificio sacro. Santa Lucia. A Fermo c’è una …

Continua a leggere »

Era benvenuto il pellegrino

Alteta di Montegiorgio: Casino Merli, un’antica magione di campagna Una casa. Anzi, un’antica magione di campagna. Che un tempo era stupenda, ma oggi è in forte degrado e rovina. La campagna è quella di Alteta, ai confini con Francavilla d’Ete. Sui crinali, verso ovest, si scorge Monte San Pietrangeli e Mogliano e Corridonia, scrutando bene, anche San Ginesio e il Monte …

Continua a leggere »

Sant’Angelo in Montespino

Nel quasi tramonto di una primavera soleggiata, guardando il sole accucciarsi dietro ai monti, è possibile vederlo. O immaginarlo. Il Guerin Meschino è là. Là, che risale la montagna della Sibilla, sino all’antro della Veggente. Per conoscere la verità di sé… Sono racconti sentiti e risentiti da vecchi padri che li lasciarono in eredità ad ormai vecchi figli cosicché la …

Continua a leggere »

AMANDOLA – Affrescata come una cattedrale

Amandola: alla riscoperta della chiesa di S. Maria a Pie’ d’Agello Il fiume. Tenna. Tignum. Tinna. Giove per gli Etruschi. Teniamo a mente l’idronimo mentre da Amandola scendiamo al lago. È domenica 3 aprile. La nebbia avvolge la bassa. Sotto i Sibillini spunta un tiepido sole. Amandola, con Bolognola e Montefortino, era la «capitale» della produzione del pannolana. Basso Medio …

Continua a leggere »

FERMO: Tre chiavi per una reliquia

Tre chiavi. Tre grate. Tre custodi. Una comunità! Fermo. Tempio di Sant’Agostino. Chiesa stupenda. Gli affreschi notevoli salvati dall’ignoranza e dalle muffe sono un catechismo visivo, come le vetrate nella Cattedrale di Chartres. Biblia pauperum, Bibbia dei poveri. Capitarci nel secondo pomeriggio di un venerdì di quaresima è illuminante. Penombra nel tempio. La quasi oscurità della navata centrale si contrappone …

Continua a leggere »

“Sta bene dove stava”

“L’Adorazione dei Magi” campeggia di nuovo nella sala grande della Pinacoteca di Fermo. Dopo aver entusiasmato al Palazzo Marino di Milano le migliaia di visitatori della mostra sul Rubens, da qualche giorno, il dipinto del pittore fiammingo è tornato a casa. In effetti, non proprio a casa sua. Perché la sua non sarebbe il Palazzo dei Priori ma la Chiesa …

Continua a leggere »