Home » voce ecclesiale » Quattro parole nuove per camminare nell’Avvento

Quattro parole nuove per camminare nell’Avvento

Stampa l articolo

Un sussidio della commissione nazionale valutazione film della CEI per camminare nell’Avvento.

uattro parole nuove per attraversare il Tempo dell’Avvento: tempo di silenzio e attesa, tempo di speranza e incontro. Sono la nostalgia, la memoria, la ricerca e l’incontro. Parole che rimandano agli spazi del cuore e dell’anima, dove il linguaggio cinematografico trova luoghi di accoglienza, spazi di riflessione e, perché no, anche profumo di preghiera. Questo è il percorso proposto dal sussidio “Sguardi d’Avvento verso il Natale” della Commissione Nazionale valutazione film e dell’Ufficio comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale italiana.
Nostalgia è la prima parola e il primo passo di questo itinerario segnato dalla macchina da presa, a essa fa da sfondo il film Tutto il mondo fuori (2020) di Ignazio Oliva, con don Marco Pozza (piattaforma VatiVision). Un documentario dove si respira il sapore della nostalgia: di Dio, di famiglia, di reintegrazione nella società. Tra le mura del carcere di Padova “Due Palazzi”, don Marco è un cappellano che cammina accanto a vite disperse ma desiderose di riscatto, di riabbracciare la vita. Spesso è il ricordo della libertà, altre volte la nostalgia di un passato vissuto “fuori”, comunque i passi segnati due a due e insieme capaci di aprire un oltre di speranza e redenzione. Proprio la nostalgia, se accompagnata e ben valorizzata, può essere il terreno fertile dove far germogliare la “memoria”, ovvero il ricordo vivo e presente di Colui che è il veniente: Gesù Cristo Figlio di Dio.
Il periodo dell’Avvento porta con sé anche questa suggestione: quella della memoria che segna la seconda tappa del percorso: La vita davanti a sé (2020) di Edoardo Ponti, con Sophia Loren (su Netflix), ci restituisce la dimensione della memoria con il forte tratto delle radici culturali, religiose, identitarie. Molto significativa è la dinamica che soggiace a questo film: sulla polvere del passato (la Shoah resa viva dal volto della Loren) si va lentamente disegnando una luce di speranza, grazie all’incontro tra due solitudini: quella di un passato troppo presente e di un presente orfano di futuro. Il film è un inno all’incontro che salva.
Ricerca è invece lo sfondo della terza domenica, accompagnata dalla proposta cinematografica L’altro volto della speranza (2017) di Aki Kaurismäki (su RaiPlay). Tema portante del film è quello delle solidarietà, del reciproco soccorso, del ritrovarsi: la salvezza passa dalla condivisione, per approdare alla comunione.
L’itinerario si conclude con la parola Incontro: preludio e annuncio del Natale. Lo sfondo cinematografico è offerto dal film Bar Giuseppe (2019) di Giulio Base (su RaiPlay). Il film si propone come “attualizzazione” della Natività. L’incontro tra due umanità periferiche, quella di Giuseppe – titolare di un Bar nella Bari di oggi – e quella di Bikira, una giovane immigrata in cerca di occupazione ma soprattutto di speranza. Il tessuto sociale, sfondo della storia, è quello dell’Italia di oggi, un presente cioè impastato di fragilità ma anche di resilienza.
La luce del cinema, mai accecante né pre-potente, illumina così i passi dell’Avvento: passi di coraggio e di redenzione, dentro ai tanti deserti del presente e verso i germogli di un futuro migliore.
Il sussidio si può scaricare al link: http://www.cnvf.it/sguardi-davvento-verso-il-natale-sussidio-pastorale-della-cnvf/

don Andrea Verdecchia, Direttore dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali e membro della Commissione nazionale valutazione film della CEI

About la redazione

Vedi anche

Capitani coraggiosi ai tempi del Covid

Giovani imprenditori marchigiani che sanno mettersi in gioco nonostante le difficoltà del momento. Se si …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: